giovedì 8 dicembre 2011

Nonostante tutto, grazie Vespa!



Piccola premessa sul mondo delle diete, non solo in Italia, ma ovunque. Le persone che vedete nelle trasmissioni televisive, così come in questa di Porta a Porta di cui parlerò più avanti, non sono lì per caso, ma perché rappresentano degli interessi ben precisi. Naturalmente parliamo di tanti soldi, ma proprio tanti. Miliardi tra libri, prodotti, integratori, medicine, ecc. Per parlarvi in modo completo di questo argomento, probabilmente non basterebbe un libro. Vi basti sapere che ognuno difende una parte ben precisa. Naturalmente con i giusti distinguo, perché c'è chi difende dei principi assurdi e, oramai, privi di alcun fondamento scientifico serio, e chi, proprio grazie a una vita dedicata alla ricerca e al fare bene il proprio mestiere, difende posizioni sacrosante. Certo, chi non è senza peccato, scagli la prima pietra, e vi assicuro che, in quello studio, nessuno potrebbe farlo. Ma entriamo nel merito della puntata e commentiamola come in una radiocronaca.

Scordatevi che in Italia qualcuno si tiri indietro e lasci spazio a Barry Sears o a Loren Cordain, Robb Wolf, ecc. Soprattutto in questo tipo di trasmissioni, le vecchie carampane non mollano mai! Ma va bene così, è già importante che il dr. Sears abbia avuto questo spazio a disposizione per spiegare e chiarire molte cose. Neanche lui è privo di pecche, avendo in passato appoggiato nutrizionisti italiani che hanno pubblicato libri con una versione distorta della Zona, come vedremo più avanti. E, comunque sia, anche lui è sostenuto commercialmente dalla Enervit, non lo dimentichiamo, la quale distribuisce una linea di prodotti, tipo le barrette, che nulla hanno a che vedere con un'alimentazione corretta, ma pecunia non olet! Per cui, cerchiamo di essere sempre lucidi e di prendere il meglio anche da questa trasmissione.
Per quanto mi riguarda, la cosa più importante da dire è che non conosco nessuna dieta in grado di aiutare il raggiungimento di uno stato di salute, venendo  da uno di malattia, se non quella di cui parla il dr. Sears, ma anche il dr. Cordain. Nella trasmissione di Vespa si parla solo del concetto di dimagrimento e si sfiora appena quello di salute. Ma è proprio questo il fulcro del discorso. Se un certo tipo di alimentazione toglie sintomi e farmaci di una malattia cronica, che vantaggi darà a una persona non affetta da malattie gravi?

Voglio evitare toni polemici in questo post e, proprio per questo, ritengo giusto sottolineare delle cose giuste che sono state dette, anche da chi non mi piace. Per esempio, Giorgio Calabrese, nutrizionista: "La dieta a Zona italiana è una cover della dieta a Zona americana". Ha ragione, per anni in Italia abbiamo avuto dei professionisti molto poco seri che hanno consigliato uno stile alimentare ispirato alla Zona, ma assolutamente sbagliato in molti aspetti importanti all'atto pratico.

Ecco che le telecamere indugiano sui piattoni di pasta, come per commuovere lo spettatore. Mi domando, perché, oltre alla pasta, non vengono inquadrate anche delle ottime verdure?

Il dr. Sears cita un importantissimo studio fatto dall'università di Harvard, che ha fatto luce su molti aspetti dell'alimentazione, dando ragione alle teorie di Sears. Dovete sapere che per anni è stato sbeffeggiato negli ambienti medici, ma da un po' di tempo a questa parte molti si stanno ricredendo e questo studio ne è la prova.

Ecco una tipica espressione femminile, la Spaak: "Le cattive idee fanno ingrassare più del cibo", per lei è una questione "mentale". :-)

Simona Izzo conferma quello che ho anticipato prima: "Nella Zona italiana c'è la pasta". Colgo l'occasione per dirvi una cosa importante: se andate da uno zonista che non vi limita in modo serio cereali, latticini e legumi, per non parlare di barrette e schifezze simili, fatevi venire un grosso dubbio sulla persona alla quale vi siete rivolti. Vi sta semplicemente accontentando per non perdere il cliente, ma, alla lunga, questa strategia sarà fallimentare. Per cui, giustamente, penserete che questa alimentazione non funziona e lascerete perdere.

Contrapposti al dr. Sears ci sono: due nutrizionisti, tre attori e due miss. Considerando che un nutrizionista è lontano anni luce da un medico e, ancor di più, da un biochimico ricercatore del MIT, direi che in questa occasione si conferma il metodo "all'italiana", cioè pressappochismo, cabaret, frizzi e lazzi, contro la preparazione, la ricerca scientifica e la capacità di analizzare dei dati oggettivi per provare ad arrivare a un risultato. Si stimola la simpatia e si usa la capacità comunicativa di persone di spettacolo per contrastare un messaggio portato da chi, evidentemente, non ha questa capacità da showman, ma che si limita a divulgare degli studi importanti. Così va il mondo, anzi l'Italia, dalla politica, alle università, dall'economia alla finanza, dal mondo dello spettacolo al giornalismo.
Insomma, i nostri teatranti la "buttano in caciara" come si dice a Roma, non si capisce niente di quello che dicono e non costruiscono alcuna reale strategia alimentare. Un grande, invece, il dr. Sears, che applaude alle battute e si gode lo spettacolo di queste marionette, ma quando viene interpellato sa dare risposte sintetiche e chiare, che solo il teatrino del salotto di Vespa riesce a confondere un po'. Per questo, mi rendo conto che chi è a digiuno dei concetti esposti dallo scienziato americano, possa aver avuto difficoltà a tenere bene a mente certe spiegazioni, ma d'altronde questo era l'intento del giornalista: lasciare spazio al dr. Sears per dire la sua e contemporaneamente creare confusione intorno così da smorzare certi concetti fondamentali.

Attenzione: piena ragione a Vespa che cazzia Sears sul fatto che ha scritto delle prefazioni di libri italiani sulla Zona senza sapere che proponevano una variante sbagliata con consumi di pasta. Infatti Sears, pur di penetrare il mercato italiano, ha peccato troppo di disinvoltura, più o meno volontariamente, trovandosi a volte ad appoggiare personaggi di dubbia serietà.

Servizio sulla pasta: 80g di pasta integrale, mantegata in padella, non aumenterebbe i livelli di insulina come si credeva: ecco il grande valore aggiunto della pasta! Cavolo, che culo! Ma un discorso sulle vitamine, i minerali, ecc. ecc. che nella pasta sono 10, 20, 100 volte inferiori, se non assenti, in confronto a frutta e verdura, no? Non ne vogliamo parlare?!

Entra in scena il 90enne prof. Fidanza, ordinario di fisiologia della nutrizione all'università "La Sapienza" di Roma e presidente del centro nazionale di vitaminologia. No fritture e no grigliate, giusto. Dice una cosa molto interessante relativamente alla restrizione calorica e cioè che bisogna assumere circa 1.500 kcal al giorno e non di più, a meno che non si faccia un certo tipo di lavoro o di attività sportiva. Non a caso Sears concorda con lui su questo punto, ma si dissocia totalmente dal fatto che un'alimentazione errata non provochi uno stato infiammatorio. Lo provoca, eccome! E molti di noi lo stanno scoprendo sulla loro pelle. Purtroppo il prof. Fidanza è rimasto indietro di qualche decennio, mostrando di non sapere cosa sia il MIT e promuovendo la separazione di proteine e carboidrati nei vari pasti. Sarà pure un fisiologo, ma di endocrinologia non capisce proprio una mazza! Ma vi sembra normale che un nutrizionista vitaminologo sugerisca di prendere le vitamine dagli integratori invece che dal cibo?! Nota per chi mi segue: prossimamente, lo spero di cuore, intervisterò il prof. Fontana, che si occupa di ricerca negli USA relativamente ai vantaggi della restrizione calorica: allunga la vita e aumenta la qualità della stessa! Stay tuned.

Vogliamo parlare del tipo della dieta tisanoreica? Sinceramente preferisco usare meglio le mie energie, anche perché è palese il fatto che gli interessa solo vendere i suoi prodotti, "poi voi medici usateli come preferite", lui dice! Il positivo di questo tipo è che mette d'accordo tutti e tre i medici sul fatto che è un incapace.

E una cosa su tutte: ragazzi, c'è sempre bisogno di qualcuno che ti segua! Un medico, non un blogger o un libro. Io vi posso solo stimolare ad andare oltre, ma mi fermo lì.

Per chi volesse rivedersi la puntata, qui sotto trova i link. E' divisa in 7 parti ed è gentilmente offerta da nostressilvio4.

http://www.youtube.com/user/Nostressilvio4#p/u/48/QVdCV7QpaPI
http://www.youtube.com/user/Nostressilvio4#p/u/47/k7wHzoC6sP0
http://www.youtube.com/user/Nostressilvio4#p/u/46/NBs_ZEg2BaY
http://www.youtube.com/user/Nostressilvio4#p/u/45/nSeRyVqhfk8
http://www.youtube.com/user/Nostressilvio4#p/u/44/b-zgZ9l933Q
http://www.youtube.com/user/Nostressilvio4#p/u/43/pgEaDPyB6Kk
http://www.youtube.com/user/Nostressilvio4#p/u/42/kM9vhTFo3Hw

 P.S.: personalmente sogno un Barry Sears che usi la rete (facebook, twitter, ecc.) per divulgare le sue scoperte e molli certe aziende per promuoversi. A sua difesa c'è da dire che, almeno fino a oggi, in questo mondo non si riesce ad arrivare al grande pubblico, se non essendo appoggiati da certi marchi che hanno un peso economico sul mercato. Per fortuna sta cambiando anche questo proprio grazie a internet. Non a caso, personaggi come Robb Wolf, in Italia ancora sconosciuto, stanno facendo breccia seguendo un percorso più pulito e snello, sempre che non si guasti col tempo.....


5 commenti:

  1. Caro Leonardo, sei stato anche troppo gentile!!!
    La verità secondo me è che l'intera trasmissine era una farsa incredibile...... ma del resto stiamo parlando di Porta a Porta, se Sears fosse andato da Floris o Santoro poteva andargli meglio.
    Io lavoro in televisione tutti i giorni e di trasmissioni me ne intendo. E' stata tutta una montatura, in perfetto stile Vespa.

    Hanno circondato e preso in giro il povero Sears (che Vespa chiamava "Spears") e gli ospiti erano tutti decisi a tavolino per spalare calunnie sulla Zona. Tutto era incentrato sul piatto di pasta "negato" ai "poveri italiani", ma nessuno che analizzasse i benefici della Zona. hanno invitato solo ospiti "delusi" dalla zona o che dicevano che è troppo complicata!

    Non potevano invitare almeno uno (come te Leonardo) che è guarito e segue felicemente la zona? Figurati! Tutti contro aveva....

    A un certo punto lo prendevano talmente in giro che mi sono chiesto come mai non si alzasse e se ne andasse... io lo avrei fatto.... lui è stato un grande non ha risposto nè perso la calma.

    Voto Sears (Spears) 10 voto, voto trasmissione -20...:(

    P.S. è vero che Sears è legato ad Enervit, ma non dimentichiamo che dalla loro collaborazione è nato L'olio di pesce Omega 3 RX, uno dei migliori olii di pesce al mondo (per me il migliore, lo dico senza interesse di nessun tipo). Quanta gente ha aiutato quell'olio di pesce? Poi il resto dei prodotti non mi interessa, ma da solo non sarebbe mai riuscito a far uscire quel prodotto...... ciao!!!

    RispondiElimina
  2. Leonardo sono pienamente d'accordo con te. Io ho visto la puntata ed in effetti si è solo sentito parlare di diete intese come mezzi per perdere peso e non per far funzionare meglio il nostro corpo. Spesso mi capita di raccontare la tua storia e la gente rimane sbalordita nel sentire che si può guarire da malattie importanti "semplicemente" alimentandosi in maniera corretta.Bisogna continuare a spargere la voce nella speranza di trovare orecchie disposte a sentire cose nuove.

    RispondiElimina
  3. Ciao, complimenti per la tua esposizione, io non ho molta dialettica, essendo un ragazzo di campagna ho commentato la serata con 3 considerazioni.
    1) Il sistema alimentare a Zona probabilmente dà sempre più fastidio a ........
    ( visto che la serata era una bella imboscata con 9 ospiti di cui 8 anti-Zona e 1 Pro-Zona )
    2) Le multinazionali dei carboidrati probabilmente devono aumentare le vendite di.....
    ( visto che il teatrino serale mi sembrava uno spot Pro-pasta)
    3) Livello di educazione molto basso, livello di presa per i fondelli molto alto.
    Nota positiva se mi guardo alle spalle 10 anni fà era molto peggio, stiamo piano paiano migliorando.

    RispondiElimina
  4. Ciao Leo, complimenti per questo post sintetico e molto obbiettivo, giuro io c'ho provato a guardare Porta a porta, era la prima volta in vita mia che lo guardavo e di sicuro anche l'ultima.
    Già dopo 10 minuti si capiva come sarebbe stato il tono del programma, che tristezza come hai detto tu il solito teatrino all'italiana ho retto una mezz'ora poi cambiato canale.
    Speravo in una cosa un minimo più seria ma devo dire che per lo meno il Barry Sears si è comportato come un vero signore, anche quando il novantenne non sapeva cosa fosse l' MIT, mi sono spanciato dalle risate :)
    Comunque sia lunedì ho il secondo appuntamento con Aronne Romano e non vedo l'ora sono molto curioso e per quanto riguarda i miei progressi ti farò sapere quando avrò documentazioni in mano, a presto e grazie per il tuo impegno.
    Luca Zanini

    RispondiElimina
  5. http://wp.me/p1n6of-s
    Ho provato a scrivere le mie di impressioni. C'e` sicuramente da rivederlo, tanto il mio blog non ha molta visibilita`, e` in inglese ed e` noioso. Per ora. Ma sentivo che da qualche parte dovevo scrivere qualcosa, pur non essendo diplomatica. Insomma. Alla fine si sono trovati tutti e tre i dottori d'accordo che bisogna che si abbassino le calorie ingerite ogni giorno e per questo la quantita` di pasta scende vertiginosamente a 50 grammi. Che poi, potremmo interpretarlo come i 90 grammi che la versione della dieta a zona per inguaribili mediterranei di B. Sears, curata da Eddy Ottoz e` la stessa identica cosa con i suoi 90 g di pasta integrale gia` cotta. La storia della verdura che in grandi quantita` ha i fitati che di portano via gli ioni minerali e` davvero uno spasso: il rovesciamento della morale della nonna! Da piccolo nonna ti dice che se vuoi diventare grande devi mangiare tanta verdura, da grande arriva l'ex nonneto novantenner edivivo che ti dice che DEVI mangiare la pasta se vuoi diventare come le due miss Italia. E poi eccola la`la fiera dei frizzi e dei lazzi maschili(sti): le due giovani mute, vergini (?)sacrificali all'altare della moda e dei cliche`che non aprono bocca se non per ridere come due ochette della battuta di un medico di dubbia fama contro quella di un biochimico di fama (e pubblicazioni) internazionali. Ok, la scienza non ddeve prendersi troppo sul serio, Allora datemi una pubblicazione internazionale del medico italiano. Poi arrivano le regine della telviisone italiana che, nonostante la loro carriera, inseguono la linea di quelle che potrebbero essere le loro figlie, se non le loro nipoti. E dunque? La trasmissione mi ha fatto senso, prima come malato che dovrebbe avere la liberta` di rivolgersi a luminari italiani in maniera di alimentazione e potersi fidare di una scienza vagamente esatta e basata sui numeri, non su una generica definizione di "sovraccarico di una sostanza". La seconda ondata di conati e`, al solito, per la rappresentazione della donna che ne viene fuori: bella e muta che ride come un'oca al comando oppure una carampana frustrata che insegue il sogno della giovinezza fingendo la leggerezza del menefreghismo; non e` riuscito a queste signore ostentare un menefreghismo che non appartiene loro.
    Ci ho sentito anche un filino di ipocrisia, soprattutto quando parlano di cosa mangiano.
    Quando seguo un regime controllato dimagrisco anche io, il problema e` associarci il "sovraccarico di sostanze ad alto indice glicemico", meglio note come junk food da dipendenza. Li` la bilancia va su, e anche lo stato infimmatorio...

    RispondiElimina

Verranno esclusi tutti i commenti off-topic, volgari e privi del rispetto necessario per un sereno confronto sul tema discusso. Chiedo un po' di pazienza per la loro pubblicazione, dato che li modero personalmente e non sono sempre davanti al pc.