domenica 5 febbraio 2012

L'alimentazione è il farmaco più potente che ci sia!

I medicinali dovrebbero essere l'ultima spiaggia, con una valenza emergenziale e nulla più. Senza dubbio un farmaco può salvarti la vita, non c'è che dire. Ha la capacità di intervenire li dove il corpo mostra una debolezza, temporanea o cronica che sia. Ma impostare la salute di una società sul principio dell'emergenza è come distribuire le pale ai romani per spalare via la neve che ha bloccato la città! E la prevenzione dov'è? Si sapeva benissimo quello che stava per succedere, era una settimana che lo si leggeva ovunque, così come si sa perfettamente ormai che un cattivo stile di vita porta malattie anche mortali: infarti, ictus, tumori, diabete, ipertensione, ecc. La differenza importante è che nel primo caso possiamo fare ben poco, a parte chiedere le dimissioni di chi non è capace di amministrare la Capitale, una delle città più belle del mondo, più amate, più invidiate, PIU'! Nel secondo, invece, dipende solo e soltanto da noi. Voglio dire, se stai leggendo questo blog da un po' di tempo, o anche se questa è la prima volta che vieni a far visita, considerati "fregato" :-) Non hai più scuse, non puoi più far finta di niente. Soffri spesso di mal di testa, stanchezza, problemi di pelle, analisi del sangue fuori norma, calcoli, tiroide, mal di pancia, ecc. ecc.? Finora non hai fatto altro che riempirti di medicinali senza risolvere? Bene, ora fai quello che puoi con la pala, ma comincia a organizzarti con il sale, i mezzi spazzaneve e le provviste di cibo in casa. PREVIENI.
Polemiche e diatribe scientifiche a parte, ciò che ormai appare evidente è che l'alimentazione ha un potere preventivo ineguagliabile e le verdure ricoprono un ruolo fondamentale. Personalmente mangio circa 600g di verdure al giorno (peso a crudo) e 1,3kg di frutta. Probabilmente mangio più vegetali della maggior parte dei vegetariani, anche se non seguo una dieta di quel tipo. Le proteine animali (magre) sono le regine incontrastate, da assumere nella giusta quantità, che varia da persona a persona, e da distribuire nell'arco della giornata, in modo tale da non affaticare il nostro organismo inutilmente e, contemporaneamente, avere a disposizione sempre quello che ci serve per le nostre attività quotidiane. Ogni giorno avete in mano la vostra salute, non perdetevi d'animo e siate fiduciosi nel fatto che vivere a lungo e in salute è possibile. Non è una bella notizia?! :-)
Ora vi lascio alla terza e ultima parte dell'intervista al prof. Fontana. Vi aspetto al mio prossimo post, l'argomento sarà: The China Study! Buona visione.

7 commenti:

  1. PINOBOY PIROZZOLI5 febbraio 2012 14:38

    IO LE PROTEINE ANIMALI LE HO CANCELLATE DALLA MIA VITA QUINDI SOSTENGO CHE QUELLO CHE HAI SCRITTO SOPRA,CIOE'  UN MINIMO DELLE STESSE ,LE TROVIAMO IN ALTRI ALIMENTI E NON SOLO DALLA CARNE. CIAO UN SALUTO ,PINO.

    RispondiElimina
  2. leggo bene..mangi 1 chilo e 300 grammi di frutta al giorno? Zona e paleo non prevedono meno carboidrati/fruttosio? Grazie se vorrai chiarire.

    RispondiElimina
  3. LeonardoRubini6 febbraio 2012 20:14

    Ciao Matilde,
    ben tornata :-)
    Dipende da che frutta mangi. Se mangi banane o frutta tropicale (sconsigliate per l'alto carico glicemico) 1,3 kg sarebbe uno sproposito. Ho fatto una media, che varia anche da stagione a stagione, visto che la frutta contiene più o meno zuccheri secondo il periodo dell'anno e il grado di maturazione. Comunque sia, per farla breve, mangio intorno ai 130g di carboidrati al giorno, che se assunti da frutta e verdura fanno più o meno le cifre che ho indicato sul post. Se mangiassi solo riso integrale, per esempio, mi dovrei fermare a 180g (peso da crudo) per tutto il giorno.
    Non so bene cosa intendevi con la tua domanda, ma spero di essere stato esauriente spiegandoti che in 1,3 kg di frutta + 600g di verdura (peso da crudo) ci sono circa 130g di carboidrati (zuccheri, non solo fruttosio), più tante fibre, vitamine, minerali, ecc. ecc., che nei cereali e nei legumi ti puoi solo sognare, senza considerare il fatto che questi ultimi sono ricchi di antinutrienti che fanno danni nel lungo periodo.

    RispondiElimina
  4. Sul 1,3 kg al giorno di frutta sono rimasto perplesso anch'io.... io mi fermo a 400-500 grammi. Mi piacerebbe moltissimo mangiarne di più, ma per quello che ne so, e per la raccomandazione del medico che mi segue, è bene assumere carboidrati attraverso più verdure e meno frutta per il rischio di eccesso di fruttosio introdotto.
    Forse mi sfugge qualcosa...

    RispondiElimina
  5. LeonardoRubini7 febbraio 2012 12:03

    Ragazzi, la matematica non è un'opinione. Per avere 9g di carboidrati puoi mangiare: 90g di mela, 120g di arancia, 175g di mirtilli, ecc. oppure (pesi a crudo) 330g di cavolo, 380g di fagiolini, 640g di zucchine, ecc. oppure 15g di cracker integrali, 12g di mais, 13g di pane bianco 00, ecc. Detto questo, se riesci a mangiare ancora più verdura dei miei 600g, ottimo, ma per arrivare ai miei 130g di carboidrati al giorno, non vedo altre strade. Meglio la frutta dei cereali. Poi ci sono ancora medici che danno il risottino in bianco ai diabetici e agli infartuati, ma questa è un'altra storia.

    RispondiElimina
  6. io sto solo provando sulla mia pelle.... posso dire che la zona prima,e la paleo adesso mi danno quello che dall'ultima recidiva (RCU) del 2009 mi sognavo con i farmaci.
    Poco prima di imbattermi nelle storia di Leonardo ero arrivato alla conclusione che la causa di tutto fosse una disbiosi intestinale...e che una dieta mirata a curare la disbiosi fosse la strada....
    Leonardo ha poi aperto un mondo che mi ha dato la convinzione di provare...i risultati ora sono così chiari che quasi mi spaventano per come sono congrui con la teoria.

    RispondiElimina
  7. LeonardoRubini8 febbraio 2012 15:55

    Ho caricato l'intervista integrale
    http://www.youtube.com/watch?v=R81m21FSNUI

    RispondiElimina

Verranno esclusi tutti i commenti off-topic, volgari e privi del rispetto necessario per un sereno confronto sul tema discusso. Chiedo un po' di pazienza per la loro pubblicazione, dato che li modero personalmente e non sono sempre davanti al pc.