sabato 31 marzo 2012

TERREMOTO!!!!


Ecco com'è cominciata la mia giornata oggi:

"il mio gastroenterologo mi ha detto che A.R. (il mio medico, sapete che non metto nomi sul mio blog, ndr) ha avuto delle denunce per interruzione dei farmaci e passaggi a terapie non convenzionali é vero o falso????"

La mia risposta:

"ahahah, siamo arrivati al paradosso ormai. E' assolutamente falso! C'è un metodo molto semplice per scoprire la verità in modo inequivocabile: di al tuo gastro di inserire un commento nel mio blog, naturalmente presentandosi con nome e cognome, e di dichiarare che il dr. A.R. ha avuto delle denunce per interruzione di farmaci e passaggi a terapie non convenzionali, poi vediamo cosa succede in seguito a una ovvia denuncia per diffamazione che si prenderà :-)
Inoltre ti chiarisco un concetto fondamentale del nostro ordinamento: chiunque si può prendere una denuncia, uno con cui ho litigato potrebbe denunciarmi per percosse, anche se non l'ho mai sfiorato, per cui essere denunciati non significa essere colpevoli, quello lo stabilisce eventualmente un giudice. Personalmente non sono mai stato invitato dal dr. A.R. a diminuire o togliere i farmaci, sono io che l'ho fatto autonomamente perché stavo meglio. Anzi, da lui ho ricevuto delle raccomandazioni a stare attento nello scalare le medicine e di rimanere in contatto con il mio gastro per qualunque problema. Ti dirò di più, A. ha telefonato al mio gastro per raccomandarsi di continuare a seguirmi, anche se io non volevo più prendere le medicine, dato che stavo e sto benissimo senza, perché devi sapere che il mio gastro mi ha molto diplomaticamente e gentilmente detto che è inutile che continuo ad andare in ospedale a farmi controllare se non seguo il protocollo. Per loro è importante che prenda le medicine, non sono assolutamente interessati a capire perché sto bene e se il mio caso può essere utile anche agli altri malati!
Ti rendi conto a che punto siamo di bassezze? Per cui mi faresti veramente un grande favore se dici al tuo gastro di mettere nero su bianco la sua dichiarazione nel mio blog e di chiarirgli un concetto molto semplice: non c'è nulla di peggio che prendere in giro le persone e di far incazzare degli ammalati!
Un abbraccio, Leo.
"

Ma non è mica finita qui sapete, no no no. 10 giorni fa ricevo quest'altra email:

"Ciao ti ricordi di me G.? Io comnciato la zona 3 mesi fa e subito dopo 3 giorni ha fatto effetto. Non dico 3 per dire, ma 3 di numero! Vista l'esperianza benefica che sta avendo su di me ho provato a portarlo a conoscenza sul sito crohoniani.it citando anche il tuo blog e la tua esperienza e di altre persone che incontro (dal dottore, ndr). Dopo di che si è scatenato un putiferio. Prima una ha cominciato ad insultarmi, altri tutti commenti di scherno ma anche qualcuno interessato. Poi mi ha scritto l'amministratore del blog invitandomi a non postare più argomenti del genere. Sono allibito, non capisco perchè un regime alimentare possa far così tanta paura. La risposta più immediata che viene è quella della case farmaceutiche, perchè l'humira, che ho fatto per 1 anno e mezzo, costa 1.800 euro per ogni confezione da 2 siringhe. Per il resto sono allibito dalla reazione dei mie compagni di sventura. Scusa lo sfogo. Ciao G."

E pochi giorni fa vengo avvisato che sul sito sopra citato si parla di me. Per chi ne ha voglia, finché non lo faranno sparire (ma tanto ho conservato tutto, da internet non sparisce nulla!) ecco il topic in questione.
Per chi non lo avesse letto, basti sapere che, oltre ad essere stato insultato e diffamato, sono stato anche censurato, dato che non ho avuto modo di esercitare il mio diritto di replica fino in fondo. Poi c'è una cosa che proprio non riesco a capire: che senso ha definirsi crohniani? Etichettarsi in questo modo? Da l'idea di un gruppo chiuso, quasi gli abitanti di un altro pianeta: i crohniani. E' psicologicamente svantaggioso, è un approccio negativo. Personalmente non mi sono mai definito un rettocolitico e non mi sarei mai sognato di creare un sito, tipo rettocolitici.it. Soffrivo di una patologia che non è compresa e che non è inquadrata come dovrebbe, poi ho conosciuto chi sa come trattarla e l'ho messa alle spalle, punto. Uno che si definisce con il nome della propria patologia si sta condannando da solo a tenersela a vita, si è identificato in qualcosa di negativo. Va bene fare gruppo, essere uniti da qualcosa, ma che sia positivo!
Tornando a bomba, non crediate che siamo di fronte a delle semplici scaramucce o a dei battibecchi tra persone che la pensano diversamente. Io sento puzza di ben altro, ma lascerò al tempo, come sempre giudice infallibile, la sentenza. Però un concetto va chiarito: come accennava il ragazzo della seconda email, i malati cronici costano parecchio al SSN e questi soldi vanno nelle casse di chi sappiamo e sono tanti, ma tanti, ma proprio tanti "piccioli"! Poi c'è un altro attore in scena: i venditori di prodotti e integratori vari, che consigliano delle diete, che lodano l'alimentazione, ma poi vi vogliono riempire di schifezze varie. Anche per loro c'è un cospicuo giro d'affari.
Allora il concetto fondamentale da capire qual'è? Che non servono cliniche costose, decine di integratori, proteine in polvere o barrette energetiche e che una corretta alimentazione previene molte patologie e, se portata avanti con costanza, riesce anche a diminuire, se non a eliminare, i sintomi. Il problema è che ci guadagna principalmente solo il medico che la prescrive (essendo un professionista ha la sua parcella), qualche soldo va speso per 2 o 3 integratori indispensabili, e il resto della torta rimane nelle vostre tasche, dato che il SSN pesa nel bilancio delle regioni, e quindi statale, come un macigno, che sta contribuendo a mandarci a fondo!

Concludo dicendo che il terremoto non è accaduto dentro di me a causa degli ultimi eventi, ma sta avvenendo in un sistema marcio, che è così fragile (come tutte le cose che si basano su delle bugie) che basta un blogger per metterlo in allarme. Per ogni malato cronico che decide autonomamente di buttare nel secchio le odiate medicine, dato che ormai sta bene e non ne ha più bisogno, c'è un dirigente di un'azienda farmaceutica che si sente mancare la terra sotto i piedi, per cui allerta chi di dovere, fa le telefonate che deve fare, preme sugli organi di informazione che vivono dei soldi che la sua azienda spende in pubblicità sui media e fa in modo di screditare chi è la causa di questo terremoto. Tutti i mezzi sono buoni, ricordatelo. E' una guerra e non ci sono regole, tutto è lecito.
Tempo fa mi colpì molto venire a conoscenza del fatto che gli sponsor di una onlus che opera a sostegno delle persone affette da malattie infiammatorie croniche intestinali (A.M.I.C.I.) sono tutte case farmaceutiche! E quale sarebbe il motivo per il quale delle case farmaceutiche dovrebbero fare beneficenza in favore di una onlus? Lascio a voi la risposta.

Il quadro appena disegnato manca solo di un elemento, al quale tengo in modo particolare e che dichiaro a scanso di equivoci: i farmaci possono salvare la vita, rappresentano senza dubbio un progresso dell'umanità e sempre sia lodato chi li ha inventati. L'industria, tra l'altro quotata in borsa nel caso di certe multinazionali, il marketing e i profitti non hanno nulla a che fare con tutto questo. Il cancro sta li! E' come l'industria agroalimentare, anch'essa spesso quotata in borsa. Non è che si può dire che il cibo faccia male, figuriamoci, ma l'industria del settore fa di tutto per renderlo veleno, lo lavora in modo da snaturarlo e spinge solo per i prodotti più remunerativi, di facile stoccaggio e a lunga conservazione. Voi mangiate quello che fa comodo a loro, che gli può dare i maggiori guadagni e poi vi ammalate e cadete nelle mani di chi vi vuole curare senza sistemare la vostra alimentazione totalmente sballata, ma solo con altri prodotti, che portano altri impressionanti guadagni. E il cerchio è chiuso!

 P.S.: come sono andate le 4 settimane di PaleoZona?
All'inizio pesavo 75,4 kg, alla fine 74. Apparentemente avrei perso solo 1,4 kg, ma misuriamo meglio. Il dato più significativo è il girovita. Infatti è passato da 88,5 a 86 cm. Facendo i calcoli con le tabelle risulta che sono passato da una percentuale di massa grassa del 17,5% a una del 15,95%. Ora tiriamo le somme e scopriamo che ho acquistato 1,1 kg di muscoli e, quindi, alla fine della fiera ho perso in tutto 2,5 kg di grasso. Sono sincero, mi aspettavo di più, circa 4 kg, ma sono comunque soddisfatto, soprattutto di una cosa: le mie energie sono notevolmente aumentate e sono riuscito ad andare 3 volte a settimana in palestra, per quasi 1 ora e mezza al giorno, facendo un lavoro specifico sull'aumento della massa magra. Per me prima era impensabile farcela, per non parlare di 2 anni e mezzo fa, quando anche fare una semplice rampa di scale era per me uno sforzo e non perché fossi un obeso o un pigrone incallito, ma perché stavo sempre male e la stanchezza cronica ormai faceva parte di me, anche considerando che mi è stata riconosciuta un'invalidità civile del 60%!
Ora ho un problema, non riesco a uscire dalla Paleo, sto troppo bene e non mi va di tornare indietro. L'ostacolo maggiore è quello sociale: le cene, le feste, gli amici, ma l'80% di chi frequento ormai segue la mia stessa alimentazione, anche se non così ristretta, per cui possono capirmi benissimo e sono solidali. Quindi vado avanti, anche se mi concederò uno strappetto a settimana. Il mio obiettivo è quello di arrivare al 10% di massa grassa. Ho quasi 39 anni, avevo smesso di fare sport a 20 e non ho mai visto gli addominali sul mio corpo. Vi assicuro che non lo faccio per fanatismo, semplicemente vedere il mio fisico sempre più in piena salute equivale a mettere sempre più distanza con il passato, fatto di ospedali, medicine e colonscopie!
Forse sono troppo ambizioso, ma per giugno conto di vedere un risultato soddisfacente. Chi vivrà, vedrà.....

11 commenti:

  1. Paolo Grisanti1 aprile 2012 08:42

    Della serie "condivido quasi tutto ma mi batterò perché le tue idee vengano rispettate e condivise" (va bene non era proprio così la prima parte)...continua così Leonardo! Non sono certo io che ti devo incoraggiare visto che convinzione, intelligenza e mezzi ne hai, ma mi fa comunque piacere esprimere la mia solidarietà a chi, spinto dalla curiosità, si mette in gioco, sperimenta, raggiunge un risultato e lo condivide, fosse anche dover andare contro secoli di consuetudini errate, contro interessi economici, e quant'altro. Se il 95% delle persone si comporta in modo sbagliato quel comportamento rimane sbagliato, mi pare logico e scontato. E se ciò riguarda l'alimentazione i disastri sono sotto gli occhi di tutti. Da parte mia posso solo scrivere a tutti quelli che sono titubanti, spaventati o troppo deboli per buttarsi in un avventura che può cambiare in meglio la loro vita, che se non si è curiosi per natura bisognerebbe esserlo per principio così da non perdere le occasioni che la vita ci propone. Ciao e buona giornata!

    RispondiElimina
  2. Sono d'accordo con le speculazioni di chi lucra sulla salute altrui e mi spiace ti sia trovato in mezzo ad una vicenda legale.Ti auguro di uscirne vincente. Avrai senza dubbio sostegno da chi segue il tuo blog. Deve soprattutto vincere il diritto a curarsi come meglio si crede senza convincere nessuno, ma con la libertà di esprimere le proprie esperienze magari anche a servizio degli altri.

    RispondiElimina
  3. Ciao Leonardo, io sono al quinto mese di zona e ho risolto al 90% il mio problema di colon irritabile anche se ancora faccio qualche errore ma non mi ci vuole molto a capirlo, ci pensa la mia pancia a farmelo notare : (
    Ho fatto due mesi di paleo e mi sono trovato bene.
    A proposito di medici un mese fa sono passato dal mio medico di famiglia che mi segue da 25 anni e sa bene tutti i problemi che ho avuto e gli esami clinici che ho fatto per cercare di capire quale fosse la causa del mio mal di pancia, anche perché non ho mai accettato il fatto che mi dicevano da anni che era un problema "psicosomatico".
    Così tanto per vedere la sua reazione (premetto che è un incompetente) gli ho detto in che finalmente avevo risolto il mio problema di mal di pancia senza aggiungere alcun dettaglio sul come!
    La sua reazione è stata di assoluta indifferenza, io basito, mi alzato l'ho salutato e sono uscito, no voglio dire se io fossi un medico e un mio paziente mi dice che ha risolto il suo problema quanto meno per curiosità gli chiederei come ha fatto, ma va bene così...

    RispondiElimina
  4. maria colonna2 aprile 2012 11:24

    Complimenti per la grinta Leonardo!! E per la convinzione che metti in quello che fai!
    Avremo modo di conoscerci al prossimo incontro da AR lunedì 30 aprile, mi pare di aver capito che ci sarai anche tu...
    Saluti
    maria c.

    RispondiElimina
  5. http://www.ajcn.org/content/81/2/341.long 
    consiglio a tutti la lettura del link sopra, il testo è in inglese ma facilmente traducibile e comprensibile da motori di ricerca come google

    RispondiElimina
  6. don't worry be happy...

    parli di case farmaceutice e industrie che fanno soldi ma berry sears non ha l'enervit dietro ??? e l'enervit che cosa è ?? non c'è il nome di barry sears sulla confezione di omega 3 rx dell' enervit ??? 

    se non ci fossero i dottori e le medicine non ci sarebbe la salute poi è anche importante l'alimentazione per prevenire e stare meglio ma le medicine servono per togliere i sintomi ...  i medici ti danno le medicine se ha l'intestino irritato , ma la colpa dell'irritazione dell'intestino è stata tua che hai mangiato delle schifezze fino a quel momento...quindi non criticare le case farmaceuitiche perche le medicine ci possono salvare la vita in molti casi e i medici anche.....  

    e poi una curiosità ma percheè filtri i messaggi?

    RispondiElimina
  7. Non hai capito molto del discorso di Leonardo eh?
    Prova a rileggerti tutti i suoi post, c'è speranza anche per te ;)

    RispondiElimina
  8. FORSE SEI TU CHE NON HAI CAPITO MARCO O COME TI CHIAMI...DAL DOTTORE CHE HA DATO LA DIETA A LEONARDO A.R CI SONO ANDATO ANCHE IO...E COME STANNO LE COSE LE HO CAPITE BENISSIMO...

    RispondiElimina
  9. LeonardoRubini14 aprile 2012 13:17

    Se vuoi sapere per quale motivo filtro i messaggi, oltre che per evitare
    il classico spam, è perché non sopporto le polemiche inutili e chi le
    propone. Tra l'altro con me sei completamente fuori strada, essendo il
    primo che critica Barry Sears e la sua firma sui prodotti della Enervit,
    osservazione che feci al mio medico quando me lo fece conoscere a un
    convegno a Roma. Inoltre ti permetti di scrivere sul mio blog asserendo
    che conosci AR e me e che sai bene di cosa parli. Ottimo! Allora
    dichiara il tuo nome e cognome, così che anche io possa informarmi su di
    te e risponderti stando sullo stesso livello. E' facile nascondersi
    dietro a un nick quando gli altri operano a viso scoperto! Per cui non
    ho nessuna intenzione di pubblicare il tuo ultimo commento (polemico)
    finchè non ti sarai palesato, così da dare modo anche agli altri di
    poterti giudicare in modo consapevole.

    Resto in attesa, fiducioso.
    Leo.

    RispondiElimina
  10. non metto il mio nome perchè non voglio pubblicità essendo che non ho interessi economici dietro e non faccio gli interessi di nessuno e poi comunque il dott. a.r. l'ho conosciuto perchè ho fatto due visite a casa sue e a te ti conosco a livello virtuale nel senso che ho seguito il tuo blog fino ad ora e quindi ho capito di cosa parli , poi io mi "permetto " come dici tu di scrivere su questo blog perchè internet è democrazia e quindi ogniuno può esprimere la sua opinione senza offendere ovviamente nessuno , filtrare non è molto democratico perchè vuoi far passare solo quello che vuoi tu poi se dici che sei guarito pubblica i tuoi esami da quando ti hanno diagnosticato la malattia fino ad ora così vediamo in base agli esami endoscopici il miglioramento della patologia e non a parole come hai fatto fino ad ora perchè a parlare sono capaci tutti anche io posso dire che prima avevo dei sintomi ed ora non ho più niente perchè ho fatto una dieta e ho preso degli integratori, scannerizza i tuoi esami  endoscopici al momento della infiammazione e sangue nelle feci e quelli di adesso in cui dici che i sintomi sono spariti quando li pubblicherai allora avreo delle prove concrete e non chiacchiere   

    RispondiElimina
  11. LeonardoRubini15 aprile 2012 13:05

    Ho deciso di cancellare i commenti di "Mister X" a seguito di uno scambio di email con lo stesso. Non ho parole e certe persone, tra l'altro anonime, sul mio blog non le voglio. Le energie vanno dedicate a essere costruttivi e non ho tempo da perdere con certi individui. Da oggi è spam. Nessuno ha il diritto di dubitare della mia malattia e bisogna avere dei problemi per pensare che lo staff di Beppe Grillo mi concedeva un'intervista senza prima aver visto i miei certificati, i miei esami e tutto il resto, prima e dopo il cambio di alimentazione. Per cui non c'è spazio per chi viene qui ad accusarmi, invece di sforzarsi di portare un contributo a tutti in modo intelligente.
    Comunque sia l'ho invitato a denunciarmi, hai visto mai che ci guadagno qualcosa?! :-p
    P.S.: per un momento ho pensato il classico "Ma chi me lo fa fare?", ma conosco benissimo la risposta, che risiede negli anni di malattia e nella vera goduria a poter aiutare chi si trova nelle mie vecchie condizioni e poi la vera domanda è: "Ma chi GLIELO fa fare?"!
    Permettetemi uno sfogo, però: se conoscessi prima certe persone, gli direi tranquillamente: "Ma che alimentazione!? Mangia tranquillamente quello che vuoi, lo dicono anche i medici, giusto?".

    RispondiElimina

Verranno esclusi tutti i commenti off-topic, volgari e privi del rispetto necessario per un sereno confronto sul tema discusso. Chiedo un po' di pazienza per la loro pubblicazione, dato che li modero personalmente e non sono sempre davanti al pc.