sabato 16 giugno 2012

Quando il tubo perde

Ragazzi, mi dispiace, ma oggi dobbiamo parlare di cacca! Per essere precisi vi dico un paio di cose sulla Leaky Gut Syndrome, Sindrome dell'Intestino Permeabile. Quando il tubo perde, per capirci.
Definendo l'intestino come un organo impermeabile, naturalmente semplifichiamo un concetto molto più complesso, dato che in realtà l'intestino non è del tutto impermeabile. Numerose sostanze lo attraversano, ma solo quelle "autorizzate" dovrebbero poter passare. Nel momento in cui anche altre sostanze "vietate" riescono a varcare la soglia, ci troviamo di fronte a una cosiddetta perdita di impermeabilizzazione. Ed è un bel guaio!
In Italia, come al solito, di questa sindrome non si parla proprio, eppure sempre più ricerche confermano che sia alla base di numerosi disturbi e malattie: Crohn e colite ulcerosa, Candida, celiachia, infestazione da Giarda, eczema atopico, problemi digestivi, fatica cronica, allergie alimentari, intolleranze alimentari, asma, mal di testa, artrite e tutte le malattie autoimmuni.
Provate a immaginare un sistema fognario che attraversa la città, fatto di chilometri di tubi, ricchi di curve, avvallamenti e che serve milioni di cittadini. Cosa succede se questo perde in uno o più punti? Al di là del tanfo che questo comporterebbe, avverrebbero anche un'altra serie di gravi eventi, tra cui l'inquinamento delle falde acquifere, quelle che poi confluiscono nei nostri rubinetti oppure negli orti e nei terreni dai quali nascono verdure, frutta e altre leccornie di cui ci cibiamo. Disastro! La catena alimentare è compromessa e, con lei, anche la nostra salute.
Seguendo l'esempio sopra citato, cosa succede nel nostro corpo? Quando gli spazi tra le cellule della parete intestinale si ingrandiscono, si creano dei varchi che permettono ai peptoni (raggruppamenti di aminoacidi non ancora "smontati", pezzi di proteine, per capirci) di entrare nel sangue, attivando così il sistema immunitario. Se l'intestino ha perduto gran parte della sua capacità filtrante, ecco che l'invasione diventa eccessiva e il nostro corpo non ha abbastanza "soldati" per arginare il problema, così gli invasori in eccesso se ne vanno in giro liberamente, fino ad attaccarsi a qualche organo. Potrebbe essere lo stesso tratto digerente (Crohn, colite ulcerosa), i polmoni (asma), i tessuti epidermici (psoriasi), le articolazioni (artrite), ecc.
Ma veramente voi pensate che sia normale ammalarsi, invecchiare precocemente o perdere prima del tempo le nostre capacità motorie e intellettuali?! Non scherziamo. Nel mondo animale selvaggio questo non accade e i nostri attuali geni vengono da li. Usare un computer o viaggiare in aereo non ha modificato i nostri geni, così come l'avvento dell'agricoltura e dell'allevamento, però sta modificando la loro espressione, peggiorandola decisamente. Ma questo è sotto gli occhi di tutti, ormai.
Tornando all'incipit di questo post, fate in modo che la vostra cacca non attraversi l'intestino e se ne vada in giro per il corpo a far danni. Ci sono delle sostanze che non sono ancora state scomposte in modo corretto e altre che sono destinate a finire comunque nello sciacquone, ma se il vostro "tubo" perde, poi può succedere di tutto.
Ma perché l'intestino arriva a perdere la sua capacità filtrante? Infiammazione è la risposta. Tutto ciò che ingeriamo ha delle conseguenze sul nostro secondo cervello (così viene spesso definito l'intestino) e alcuni alimenti sono delle micro molotov, che negli anni creano infiammazione e contribuiscono ad aprire dei varchi. Naturalmente il discorso è molto più complicato di come ve lo sto proponendo, ma non voglio annoiarvi, più che altro voglio stimolarvi a capire. Se volete approfondire, su internet il materiale non manca, cercando sempre di andare alle fonti attendibili, che hanno riferimenti bibliografici. Ma diamo un'occhiata a quali sono queste bombe incendiarie:
  • tutti i cereali. Paradossalmente nella loro forma integrale sono ancora più dannosi, dato che gli antinutrienti così pericolosi sono proprio nella loro parte esterna, quella che viene eliminata con la raffinazione. Ma anche "ripuliti", questi semi sono vostri nemici, dato che hanno un alto carico glicemico, il quale attiva l'ormone dell'insulina e troppa insulina ha delle conseguenze infiammatorie. Naturalmente non parlo dello sgarro che uno si concede ogni tanto, ma dell'assunzione cronica di questa e delle altre sostanze che elencherò di seguito;
  • tutti i legumi, soia inclusa. Che vi devo dire ragazzi? Il DNA non l'ho scritto io, per cui anche questi alimenti rientrano tra i "cattivi", anche se la concentrazione di antinutrienti è leggermente più bassa che nei cereali. Lo so che ci sono popolazioni che vanno avanti con cereali e legumi, ma qui non stiamo parlando di come sopravvivere in caso di carestia, ma di come vivere al meglio finché abbiamo accesso al cibo in modo accettabile. E' assurdo che spendiamo in cose superflue e poi ceniamo con la pizza, lamentandoci che altri alimenti costano troppo;
  • i latticini. Il latte e i suoi derivati non sono un alimento sano. Al contrario di ciò che si pensa, decalcificano le ossa a causa del loro alto grado di acidità e la caseina (la proteina del latte) è alla base di numerose malattie. Se leggete "The China study", questo è l'unico dato veramente interessante, il resto è pura mistificazione, come già spiegato in un precedente post;
  • le solanacee. Quindi, patate, peperoni, pomodori, melanzane, peperoncini, ecc. Anche questi alimenti contengono degli antinutrienti che possono danneggiare l'intestino.
 All'elenco sopra riportato vanno aggiunti altri elementi, come i farmaci, gli antiparassitari usati nel'agricoltura convenzionale, alimenti o bevande contaminate da parassiti, ecc.
Adesso non fatevi prendere dallo sconforto, pensando che siete circondati da pericoli e non ce la farete mai. Una volta compreso il concetto fondamentale, e cioè che noi siamo ciò che mangiamo, il resto verrà da se, compiendo ogni giorno un passo verso il miglioramento della qualità di ciò che mettiamo nel nostro corpo. Vivo anch'io in questo mondo e vi assicuro che si può tranquillamente fare, senza dover essere "perfetti".
Concludo con il concetto a me più caro di tutto questo discorso: se il vostro intestino ha subito negli anni, o ha ereditato, danni notevoli (eh già! Sapete che nascono bambini che hanno già le ulcere al colon?), non pretendiate che con un tocco di bacchetta magica tutto torni a posto. La fase di ri-permeabilizzazione può richiedere anche tempi lunghi, per cui non ha senso che vi scoraggiate se dopo 3/6 mesi di attenta alimentazione ancora non vedete i risultati sperati. Se avete capito quello che ho scritto e ritenete che abbia un valore, dovete solo insistere, insistere e insistere. Solo e soltanto voi potete dare un valore alla vostra voglia di stare bene e di non soffrire più. Personalmente ero pronto a tutto e se mi avessero detto di seguire una PaleoZona stretta per 12 mesi, non avrei battuto ciglio. Per fortuna ne sono bastati 3 per riveder le stelle e nella maggior parte dei casi è così. Per alcuni è più difficile, per questo vi dico di non demoralizzarvi, la vostra soddisfazione sarà ancora più grande di quella degli altri e la stima nei vostri confronti vi darà una carica che vi aiuterà a realizzare tutto ciò che vorrete. Sconfiggere un male fa volare, aiutare gli altri a farlo ti fa crescere.

91 commenti:

  1. Renato Pontefice18 giugno 2012 10:54

    Sclerosi Multipla... la dimentichiamo?

    RispondiElimina
  2. LeonardoRubini18 giugno 2012 10:54

     Rientra nell'elenco delle autoimmuni

    RispondiElimina
  3. Ciao sono Francesco, uno specializzando in chirurgia di Perugia. Seguo il tuo post da quando ti ho scoperto con Grillo. Con mio fratello, Osteopata, ci interessiamo di alimentazione e condividiamo la tua scelta. Studiando e sperimentando (consiglio il documentario "Crudo e Semplice") sempre che la dieta Vegana crudista sia la migliore. Mio fratello già la segue, io sto cercando pian piano di diventare Vegano.
    Cmq sul latte consiglio anche IL MAL DI LATTE di Lorenzo Acerra, e sullo zucchero SUGAR BLUES!!

    a presto

    RispondiElimina
  4. LeonardoRubini18 giugno 2012 11:08

    mangiare crudo può essere una buona cosa, una volta che l'intestino ha recuperato le sue capacità al 100%, ma sul veg non sono affatto favorevole, è un'alimentazione non naturale per l'essere umano. Ne ho parlato anche in questo post 
    http://www.leonardorubini.org/2011/11/vegetarismo-cosa-ce-che-non-va.html

    RispondiElimina
  5. LeonardoRubini18 giugno 2012 11:19

    Bellissimo, grazie del contributo! Fare una sorta di outing è il primo passo, direi che sei sulla buona strada. Ora dai tempo al tempo e tutto si aggiusterà. Cerca di essere più clemente con te stessa e ricordati che la perfezione annoia, mentre tu sei una persona speciale proprio per i tuoi "difetti", che io preferisco chiamare caratteristiche.
    La frase che hai scritto che più mi ha colpito è questa: "spesso non è facile prendere in mano le redini della propria vita e delle proprie responsabilità e chi ha una malattia cronica ha a portata di mano una via di uscita rapida e indolore per la coscienza."

    RispondiElimina
  6. LeonardoRubini18 giugno 2012 11:53

    eheheheh mangio mangio, eccome se mangio! E pure di gusto!!! Carni bianche, carni rosse (poco quelle da allevamento intensivo, senza problemi quelle da allevamenti grass fed oppure la selvaggina), pesce, qualche uovo, tante verdure di stagione e frutta buonissima. Un bicchiere di vino non me lo nego, se capita, cioccolata fondente idem, ecc. La varietà non manca e non ci si annoia di certo.
    Se hai problemi di gonfiore quando mangi le verdure è a causa di dispepsia. Oltre ad avere il "tubo" che perde, inevitabilmente hai una flora batterica alterata. Se rompi questa catena, i tuoi mali decennali spariranno :-)

    RispondiElimina
  7. giorgio bolzani19 giugno 2012 12:21

    ciao ma io che mangio crusca d'avena con lo yogurt devo eliminarla?

    RispondiElimina
  8. LeonardoRubini20 giugno 2012 12:43

    sicuramente ne va ridotto il consumo da frequente a saltuario, sempre che non si abbiano problemi di salute, allora sarebbe meglio toglierle fino alla loro risoluzione. Sempre sotto controllo medico!!!

    RispondiElimina
  9. Neofita_alimentare26 giugno 2012 18:28

    Ok Leonardo, ora che ci hai detto quali sono le bombe (tutti i cereali..., tutti i legumi..., i latticini) e che ci hai fatto annusare la bontà delle carni bianche e del pesce... vogliamo stilare una white-list di cosa SI PUO' geneticamente ingurgitare senza patemi? Grazie infinite!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tanda fatica, tandi sacrifici mi costa ogni post che scrivo..... non è che faresti uno sforzo anche tu di leggerteli? Così, tanto per darmi soddisfazione, magari scopri che sono cose che ho già scritto..... ;-)

      Elimina
  10. Bene l'esatto opposto di quel che dice l'illustre dott. Franco Berrino
    http://www.youtube.com/watch?v=XbZoFwbmLH0&feature=related
    A chi credere?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Penso non sia casuale che tu abbia usato due termini che sono distanti dal mio modo di concepire la scienza: "illustre" e "credere". Ecco, ritengo che non ci siano medici illustri, ma ricercatori preparati. Così come non ritengo corretto credere in qualcuno o in una teoria, ma nei fatti concreti dimostrati e dimostrabili anche da altri. Berrino è circa 20 anni indietro con le sue affermazioni, sembra di leggere The China Study, anch'esso (volutamente?) scorretto sulle proteine animali e sui grassi saturi, confondendo quelli derivati dai latticini e dagli animali allevati in modo intensivo con quelli più che sani del restante. Ma io sono solo un megafono, se vuoi approfondire, ti devi armare di pazienza e leggerti alcuni autori, come Loren Cordain, Barry Sears e Robb Wolf. La questiona non si può risolvere con un video di 2 minuti su youtube, buone letture :-)

      Elimina
  11. Io soffro di colite ulcerosa da anni. Ho un fratello gemello, siamo monovulari, anche lui ne soffre, ma la sua è in remissione la mia no. Magiamo le stesse cose, viviamo nella stessa camera. Sono convinto della validità di quello che dici, ma ho letto che un 50% delle malattie croniche intestinali sono legate allo stress. Io soffro d'ansia, e quando sono più stressato inizia il sanguinamento. Comunque sia credo fermamente che il restante 50% sia vittima di un'alimentazione sbagliata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Direi che è un circolo vizioso Claudio, lo stress peggiora la salute fisica e una cattiva alimentazione anche, aumentando inevitabilmente lo stress. Il punto di partenza, le fondamenta, è l'alimentazione. Agisci su quella e il resto verrà di conseguenza. Il vostro caso è molto interessante, se uno seguisse una corretta alimentazione e l'altro no, sarebbe un'ottima prova. Come saprai, spesso si fa riferimento ai gemelli per rafforzare dei risultati scientifici. Ma se devo essere sincero, sapendo cosa significa stare male, vi suggerirei di farla insieme e stare bene entrambi da subito. E chi se ne frega del resto, la salute prima di tutto!!! :-) A voi e ad altri che volessero farmi domande particolari, vi invito a contattarmi via email rubini.leonardo@gmail.com

      Elimina
  12. Salve a tutti.E' la prima volta che scrivo. La mia voglia di capire meglio come funzionasse il cibo  sul mio corpo nasce da quando lessi un interessante libro sul connubio gruppo sanguigno e anti-gene negli alimenti. Dopo aver sperimentato vari tipi di alimentazione sono approdato all'alimentazione a zona, quella del dr. Sears. Per la prima volta grazie a questa dieta ho risolto i miei problemi di acidità, di difficoltà nella digestione e di reflusso gastrico. Ho parecchio diminuito l'assimilazione dei carboidrati da cereali e ho meglio distribuito il consumo di proteine (che prima limitavo alla cena) durante la giornata, aumentato di parecchio il consumo di verdura cotta (che ha sostituito la pasta) che mangio sempre insieme a quella cruda (per l'apporto di fibre). In riferimento all'articolo sopra volevo capire se i danni che provoca la buccia dei cereali è intesa per via dei fitofarmaci che assorbono o proprio per la loro caratteristica nutrizionale? Inoltre, nel discorso dell'anti alimento è considerato anche il discorso anti-gene e gruppo sanguigno, oppure è un concetto superato? Riguardo alla soia, non c'erano degli studi che ne comprovavano la qualità anche dal punto di vista curativo per il corpo? Io, come dicevo prima, ho sostituito i carboidrati dei cereali con la verdura, e in particolare in questa stagione per compensare la bassa quantità di carboidrati delle verdure di stagione o cmq di quelli on la foglia integro con peperoni, o pomodori, o lenticchie, o fagioli, se tolgo anche questi, come faccio a raggiungere un equilibrio con le proteine che ingerisco? Cosa si intende con "possono danneggiare l'intestino"? e le preziose vitamine e anti ossidanti che apportano all'organismo (soprattutto peperoni e pomodori)? Insomma già ho limitato la quantità di alimenti rispetto a prima (pochi cereali e solo 2 latticini) se poi ci mettiamo limitare la verdura e i legumi che mi rimane da mangiare? :-P
    Scusate la lungaggine e grazie per l'attenzione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lele,
      per risponderti serve molto più spazio, però, se hai pazienza e voglia, troverai molte risposte in precedenti post che ho scritto. Ti invito a leggerli, altrimenti ho fatto uno sforzo inutile :-) Se poi qualcosa ancora non ti convince o hai altre domande, sono qui.

      Elimina
  13. Ti passa la rettocolite  ( ma ne dubito fortemente, perchè la carne  non contiene fibre e il tuo intestino dovrà fare uno sforzo immane per espellerla) e ti viene il cancro per le eccessive proteine animali ( e per eccessive intendo tutti i gorni). Tutti i medici hanno capito ormai che si deve consumare pochissima carne rossa  e pochissime proteine animali in generale, ma si devono mangiare legumi e verdure a foglia verde scura, olio extravergine d'oliva e cerali (integrali , è meglio). Hai provato a mettere a bagno per una notte legumi o cereali o a comprare quelli decorticati? Un'idiozia del genere ancora non l'avevo sentita. Tutti e dico tutti hanno capito l'importanza di un'alimentazione con poche proteine animali con la quale si abbassa enormemente il rischio di cancro e di malattie cardiovascolari.

    RispondiElimina
  14. E' tutto vero, ma non è una novità. Solo in italia non è arrivata la notizia tramite i media, poiché l'industria della pastasciutta e della pizza crollerebbe e quindi non c'è l'interesse a farla arrivare.

    Se conosce l'inglese, il testo più aggiornato e approfondito sulla dietetica umana è questo, che non solo conferma le sue tesi ma le dimostra citando innumerevoli studi scientifici:

    Food and Western Disease di Staffan LindebergWiley-Blackwell (an imprint of John Wiley & Sons Ltd)Libro in brossura2009ISBN: 1405197714 
    ISBN 13: 9781405197717

    RispondiElimina
  15. non è che sei celiaco?
    e poi che mangi?
    credo che ormai tutto ciò che mangiamo può essere tossico carni, pesci compresi, la terra è ormai tutta inquinata, pioggia compresa

    RispondiElimina
  16.  Ciao Leonardo, con questo articolo abbiamo capito che tipo di problema hai risolto con l'alimentazione, ma potresti per favore scrivere un articolo più dettagliato sulla tua esperienza, dal punto di vista alimentare, senza che debba essere per tutti una "Bibbia", ma solo appunto la tua esperienza.
    Quindi cosa, secondo te, va bene, cosa fa male, e a cosa bisogna stare attenti?
    Ho letto in passato the china study, ma rispetto a quell'articolo mi sembra che tu metta più carne e meno verdura.
    Te ne sarei molto grato!
    Grazie
    Andrea

    RispondiElimina
  17.  Studia tanto e poi capirai anche anche se hai detto (te) delle idiozie, per iniziare (se lo trovi) potressti leggerti il libro:La Medicina Naturale alla Portata di Tutti poi ritorna qui e chiedi scusa.
    Ciao

    RispondiElimina
  18. caro Leonardo posso sapere quale è il tuo titolo di studio? e un'altra cosa tu sai veramente cosa hai? nel senso sai cosa è veramente la rettocolite ulcerosa o ti limiti a vederne i sintomi senza chiederti il perchè delle cose.....premetto che io sono un biotecnologo medico con 2 lauree e oltre a questo è da quando ho 16 anni che ho la RCU e per questo stò facendo un tirocinio in un laboratorio dell'Istituto Superiore di Sanità (mica pizza e fichi...) proprio sull'RCU......ma poi senti la storia dei latticini che decalcificano le ossa mi ha fatto cadere dalla sedia dalle risate ahahahahahahah e poi quella dell'insulina che ha un attività infiammatoria lì mi sono messo proprio a piangere dal ridere anche perchè suppongo che tu non abbia la minima idea di cosa sia l'insulina o di come è fatta o di cosa fà nell'organismo...ti dò un indizio L'INSULINA è NEL SANGUE NON NEL LUME INTESTINALE O NELLA MUCOSA e la mucosa non ha vasi sanguigni

    RispondiElimina
  19. Gambardella Bruna1 luglio 2012 10:17

    Salve Leonardo, il fatto generale che si guarisca attraverso l’alimentazione è una realtà che ho capito in tanti anni di disturbi anche intestinali. Quello che dici l’ho imparato dalla mia dottoressa omeopata, la quale cura soprattutto attraverso la dieta. Per gi alimenti che dici senza dubbio possono creare problemi, ma in maniera abbastanza soggettiva. Io, per esempio, ho una reazione molto negativa al latte e derivati, meno per gli altri. Ti scrivo soprattutto per dirti che non tutti i medici non sanno queste cose, ma che ce ne sono alcuni, penso soprattutto omeopati omotossicologi che le sanno e le praticano. Bisogna avere la fortuna di incontrarli e la pazienza di cercarli

    RispondiElimina
  20. Ciao Frasketta, io ho la terza media, non ho alcuna laurea e tantomeno specializzazioni. Soffrivo di emicranie da suicidio dall'età di 13 anni e fino ai 30 circa. Mi sono deciso ad affrontare uno stile alimentare in Zona per motivi di peso e... Miracolo!!! Il mio mal di testa e' sparito!!! Ma lo sai, quanti "laureati" mi ha prescritto farmaci?
    Dopo di ciò mi sono sempre più interessato (e ovviamente documentato con pubblicazioni su riviste riconosciute) e ora che ho 47 anni posso dirti che ho imparato tante cose anche senza laurea.
    Questo non vuol dire che chi si é laureato non sa nulla, ma semplicemente che la conoscenza passa attraverso la volontà di ognuno di noi nel sapere e nell'essere obiettivo.

    RispondiElimina
  21. Che bisogno c'è di usare dei toni così acidi? Verrebbe da pensare che nonostante le tue prestigiose lauree e la tua specializzazione all' ISS la tua rettocolite non ha alcuna intenzione di lasciarti... Ti conisglio un atteggiamento più pratico e meno teorico...

    RispondiElimina
  22. Frasketta, aggiungerei anche che l'attività pro-infiammatoria di alti livelli di insulina nel sangue, e' documentata ufficialmente (se vuoi posso darti i riferimenti) e che alti livelli di insulina sono dovuti essenzialmente da assunzione di carboidrati ad alto indice glicemico o carico glicemico elevato, oltre che a altri fattori.
    E tutto questo viene messo in evidenza a numerosi studi che anche chi non e' laureato può confrontare, e sempre di piu' ne parlano anche tanti nostri luminari.
    Come la storia insegna... a volte e' piu' conveniente non parlarne..

    RispondiElimina
  23. Internet è la fortuna di chi sfrutta gli ingenui e i cospirazionisti. Per la fortuna di questo sito ce ne sono a bizzeffe tra i grillini.

    RispondiElimina
  24. Salve,
    da tempo ormai integro la mia alimentazione con diversi integratori e da cliente soddisfatto, dopo aver trovato finalmente tanta energia e benessere in più che prima non avevo ho deciso di diventare io stesso un consulente e adesso vendo diversi integratori alimentari e collaboro con un'azienda che ormai e' pioniera in campo di nutrizione. Se ne volte sapere di più potete richiedermi l'amicizia su facebook http://www.facebook.com/sebastiano.tomarchio.14

    Purtroppo c'e' ancora scetticismo sugli integratori, ma vi assicuro, che se ben usati e migliorando le nostre scelte alimentari fanno la differenza!
    Scrivetemi, se volete, a: benessere.groups@gmail.com

    RispondiElimina
  25. Gambardella Bruna2 luglio 2012 09:14

    Chiedo quindi all’illustre luminare, cosa proponete come cura a noi  pazienti? Finora risposte non ci sono state e non vi meravigliate se ognuno cerca le soluzioni per migliorare la propria vita, anche senza la «scienza» di cui menate vanto....

    RispondiElimina
  26. Nowardev-1 NowardevTeam2 luglio 2012 11:13

    ciao io dico la mia :

    disturbi intestinali da quando ero piccolo
    ora mangio di tutto e prendo melatonina di pierpaoli 

    = zero problemi intestinali 

     

    RispondiElimina
  27.  Ciao Frasketta già solo che non ti firmi per nome e cognome ma solo per pseudonimo mi fa un pò girare le balle...un "Luminare" come te "mica pizza e fichi"con due lauree e che sta ancora tirocinando ... dovrebbe avere più rispetto delle idee, almeno delle idee degli altri, accoglierle e correggerle o confutarle con "prove vere"non conosco certi argomenti li leggo e mi faccio la mia idea.  Posso dire che condivido o non condivido ma porto delle prove vere "da laboratorio" per correggere o smentire, non faccio lo sborone come fai tu;... che ricordi a me che stai dalla parte opposta di Galileo Galieli,... o di  Giordano Bruno bruciato per le sue idee a Campo dè Fiori a Roma, fatti un giro lì e vedrai che bella statua rende omaggio alla sua scienza non alla tua.

    RispondiElimina
  28. Giovanni Sicco2 luglio 2012 14:24

    Salve a tutti. Interessanti tutti gli interventi ed allora ho pensato di raccontare il mio...
    Ho 51 anni e da 10 mi hanno diagnosticato la RCU o meglio una pancolite. Ricoveri, dosi massicce di cortisone, cocktail di medicine, diete alimentari senza risultati accettabili e poi....Bologna. Flebo di remicade, che ora faccio a distanza di 10 settimane, e tre pastiglie al giorno di asiatropina (mi pare si chiami così). Risultato?
    Malattia in completa remissione, mangio quello che voglio e sono felice. Anch'io soffrivo di mal di testa ma ora non più. Fortuna? Forse si o forse no. Penso che la risposta ad ogni cura sia alquanto soggettiva sia per la medicina tradizionale che per quella alimentare, certo è che di schifezze con il cibo ne introduciamo parecchie. Chi è convinto e ne trae beneficio segua le varie diete, chi pensa siano troppo limitative provi ad informarsi sul protocollo della flebo con il REMICADE.
    Buona fortuna a tutti...
    Giovanni da Vicenza.

    RispondiElimina
  29. LeonardoRubini2 luglio 2012 15:19

    Caro Giovanni, golosone che non sei altro, ti consiglio di dare un'occhiata alla lista di effetti collaterali a breve, medio e lungo termine di farmaci come l'azatioprina e il remicade ;-)

    RispondiElimina
  30.  a tutti quelli che visitano questo blog....non vi fate ingannare da 4 ciarlatani che pretendono di curare una malattia simile con la dieta a zona, non sapendo quale è la causa della malattia, non sapendo nulla di medicina, non sapendo nulla della biochimica base del corpo umano...affidatevi al medico...l'omeopatia è la più grande truffa della storia, non esiste nessuna prova scientifica dei suoi risultati....e soprattutto STUDIATE a qualunque età, per l'ignoranza non c'è altra cura

    RispondiElimina
  31. lacucinadilux2 luglio 2012 17:31

    salve
    le si riferisce alla dieta del gruppo sanguigno?
    grazie

    RispondiElimina
  32. Ho 48 anni, da quando avevo cinque anni mangio tutti i giorni cereali. Da 35 anni circa con più attenzione ossia in modo da bilanciare i giusti macronutrienti. Lo stesso posso dire per il latte ed i legumi. Non ho mai avuto problemi intestinali ma in realtà non pensavo di mangiare antinutrienti. 

    RispondiElimina
  33. LeonardoRubini2 luglio 2012 19:51

    La dieta del gs ha delle similitudini e a un primo impatto da profano ha anche il suo fascino, ma entrando nel merito e approfondendo dal punto di vista degli studi scientifici relativi, risulta carente e lacunoso in molte sue parti.

    RispondiElimina
  34. LeonardoRubini2 luglio 2012 19:53

    La modifica è dovuta al fatto che non è ammessa pubblicità o riferimenti a siti nei quali viene fatta. Siamo qui per confrontarci, non per vendere prodotti. Grazie.

    RispondiElimina
  35. LeonardoRubini2 luglio 2012 19:57

    Sono d'accordo con te Bruna, ma qui il problema non è legato a quando si ha la fortuna di incontrare medici competenti, pagando di tasca propria il consulto, ma il fatto che esiste un SSN che propone tutt'altro, che paghiamo con le nostre tasse e che rimane barricato alle evidenze scientifiche che da quasi 20 anni vengono proposte.
    Mi dispiace dirtelo, ma sull'omeopatia non la penso come te, credo che sia stato già ampiamente te dimostrato che non funziona, se non nel suo effetto placebo, ma questa caratteristica la si può ottenere anche in altri modi.

    RispondiElimina
  36. LeonardoRubini2 luglio 2012 20:03

    Puoi consultare i post che ho scritto finora, uno anche su The China Study. A sinistra trovi un archivio diviso per mesi, con tutti gli articoli. Buona lettura :-)

    RispondiElimina
  37. LeonardoRubini2 luglio 2012 20:04

    Grazie Emanuele, non si finisce mai di imparare.

    RispondiElimina
  38. LeonardoRubini2 luglio 2012 20:07

    Mangio più di 1,5 kg al giorno edibile tra frutta e verdura, più della maggior parte dei veg. Non confondiamo le scelte personali per motivi etici con l'antropologia, la chimica e la biologia.

    RispondiElimina
  39. LeonardoRubini2 luglio 2012 20:09

    E cerchiamo di mantenere un tono rispettoso e di confronto. Per esempio non dando dell'idiota, non è necessario. Il prossimo lo banno. Grazie.

    RispondiElimina
  40. LeonardoRubini2 luglio 2012 20:10

    Molte risposte le troverai su altri post del mio blog. Prima leggili, poi, se hai ancora altre perplessità, sono qui.

    RispondiElimina
  41. LeonardoRubini2 luglio 2012 20:16

    "Illustre" e "credere" sono due parole che poco hanno a che fare con la scienza. Essere preparati e capire, questo è ciò che importa. Berrino sembra essere indietro di circa 20 anni su tutto ciò che finora è stato dimostrato dalla scienza. Vedi Loren Cordain, Barry Sears e altri.

    RispondiElimina
  42. LeonardoRubini2 luglio 2012 20:21

    Non siamo tutti predisposti allo stesso modo geneticamente, per cui alcuni soggetti tollerano meglio di altri certe sostanze. Così come ci sono persone che mangiano tanto senza ingrassare, dato che non hanno la tendenza a sviluppare un'insulino-resistenza. Hai solo un modo per capire la differenza: provare per un mese. Allora sarai tu a dirmi come ci si sente e quali vantaggi avrai tratto.

    RispondiElimina
  43. Gambardella Bruna2 luglio 2012 22:55

    Il problema dell’omeopatia è che è molto legata alle capacità di chi la pratica.Oltretutto bisogna distinguere anche i vari tipi: l’unicista, l’omotossicologia ecc, Io mi curo così da più di dieci anni e non posso che dirne bene. Non credo all'effetto placebo, infatti viene usata anche in veterinaria in cui non esiste l’effetto placebo. Ma solo provandola si può constatare che funziona meglio di una pillola di zucchero....

    RispondiElimina
  44. LeonardoRubini2 luglio 2012 23:21

    La mia prima visita dall'omeopata, tra i più conosciuti e bravi a Roma, l'ho fatta nel 1982, a 9 anni. L'ultima nel 2004, a 31 anni, dopo il primo ricovero in ospedale. Credo che in 22 anni ho accumulato abbastanza esperienza sulla mia pelle per poter parlare della famosa "memoria dell'acqua". Mi auguro che non dovrai mai trovarti in situazioni di reale urgenza, quelle nelle quali non hai molta scelta, quando cadono i miti e scopri che il re è nudo. Ci si dimentica troppo facilmente che abbiamo un sistema immunitario che funziona e che è in grado di risolvere la maggior parte dei nostri mali, gli omeopatici lo sanno bene e sfruttano l'onda, così come quando associano una dieta alle pilloline

    RispondiElimina
  45. Gambardella Bruna3 luglio 2012 08:26

    Nelle urgenze l’omeopata ti «deve» dire che l’omeopatia non serve, altrimenti è disonesto. Negli animali non esiste l’effetto placebo perchè non c’è l’aspettativa della guarigione. Mi spiace che non hai avuto esperienze positive, ma i risultati ci sono. Grazie della pazienza...

    RispondiElimina
  46. Credevo di trovare qualche informazione vera in mezzo a questo ammasso di vaccate: se quello che hai scritto fosse vero, allora io e il 99% delle persone sarebbero malate o morte.
    Io non dico che la verità assoluta sta nella medicina ufficiale, ma neanche da formule alchimistiche inventate da aspiranti chiromanti.
    Senza offesa è, ma quando è troppo è troppo!

    RispondiElimina
  47. LeonardoRubini3 luglio 2012 10:56

    Se l'omeopatia funzionasse, non sarei dovuto arrivare mai all'urgenza, dato che seguivo le sue cure da anni.
    Ma lasciamo perdere questa triste parentesi personale. Quando si arriva a questo punto, quello che non mi piace è il confronto dei "secondo me", che è proprio l'esatto opposto della scienza. Tu mi riporti una tua opinione, che in altri campi può andare benissimo, tipo "secondo me con le zucchine ci sta meglio la curcuma del curry", ma su questo tema no. Se hai riscontri scientifici, bene, altrimenti di cosa stiamo parlando? Che al cane di un'amico è passata la diarrea con l'omeopatia? Ma se poi prendo 100 cani e a 50 do il principio attivo, mentre agli altri do solo zucchero, e in entrambi i gruppi avrò gli stessi risultati, cosa se ne deduce?
    Pazienza finita :-)

    RispondiElimina
  48. Ciccione, per cortesia, mi potresti citare uno studio scientifico che confermi quello che hai detto?
    Te ne sarei davvero grato, perché vedi, qui stiamo tutti cercando di capire come mai molti di noi, modificando l’alimentazione vediamo sparire i sintomi delle nostre malattie.
    Quando ne ho parlato con i medici prima mi hanno detto che l’alimentazione non c’entra nulla e successivamente che non c’è niente di dimostrato. Allora, come giustamente dici tu, bisogna da parte le formule alchimistiche e usare la logica. La quale dice che l’assenza di una prova non è la prova di un’assenza.
    Pertanto è diverso dire che l’alimentazione non c’èntra nulla da dire non c’è niente di provato in merito al fatto che l’alimentazione non c’entri nulla.
    Ecco perché ti prego di indicarmi uno studio scientifico dove si dimostra con dati di laboratorio quanto affermi. Fino ad adesso nessuno è stato in grado di farmi capire.
    E inoltre credo che ci sia una certa differenza tra buon senso e senso comune. Alle volte si assomigliano ma difficilmente sono la stessa cosa.

    RispondiElimina
  49. Nowardev-1 NowardevTeam4 luglio 2012 08:37

     si beh il fatto è che ... prendendo melatonina pura = zero effetti

    prendendo melatonina ritardante = qualche effetto buono lo ha dato

    prendendo melatonina +zinco e selenio ho visto parecchi miglioramenti...

    ecco cosi non si fa pubblicità in effetti sarebbe stato meglio specificare cosi poi ognuno trae le dovute conseguenze.

    e.... visto che ci siamo

    io mangio tutto ma tutto tutto anche se cerco di evitare troppa carne e troppi formaggi.

    fin dall eta di 4 5 anni ho sempre avuto mal di pancia si diveva per il freddo e balle varie e invece.... ho preso queste pastiglie  cmq bisogna sempre chiedere al medico c'è anche un video dove il dottore pierpaoli spiega perche funziona sull intestino basta cercarlo su youtube

    c'è da tenere conto che la melatonina puo dare effetti collaterali se ne si prende troppa e per troppo tempo , potrebbe dare depressione , personalmente la prendo da un anno sempre nelle dosi consigliate e non ho avuto questo effetto anche perche sto meglio.

    non volevo certo vendere prodotti :P visto che sono un libero citttadino

    ciao e alla prox

    RispondiElimina
  50. buogiorno,credo di avere anch'io problemi intestinali non frequenti,deduco quindi che siano correlati all'limentazione.mangio molto formaggio ,sono un fumatore,prendo 3 caffè al giorno.non ho ben capito quale dieta seguire.
    la ringrazio

    RispondiElimina
  51. LeonardoRubini4 luglio 2012 12:04

    Il blog è ricco di articoli e di suggerimenti per approfondire leggendo determinati autori. Di certo non ci troverai indicazioni dietetiche specifiche, per quelle serve un medico.

    RispondiElimina
  52. E' ovvio che modificando l'alimentazione e lo stile di vita si abbiano miglioramenti, ma evitare di mangiare la roba sopra citata vuol dire morire. Io sono un grande consumatore di cereali, solanacee, formaggi, verdure frutta e legumi esclusa soia.
    Non consumo affatto carne e uova e sto benissimo.
    La verità sta nel mezzo, mai agli estremi.

    RispondiElimina
  53. Caro Ciccione (spero che questo nick non corrisponda alla tua condizione fisica :-)mi fa molto piacere che tu possa mangiare grandi quantità di cereali solanacee e quant'altro... ma hai mai sentito parlare di predisposizioni genetiche?Spesso una predisposizione da sola non è in grado di scatenare una patologia, sono necessari quelli che vengono definiti cofattori ambientali e siamo tutti concordi nel definire l'alimentazione uno di questi.A parte i casi più ovvi come la celiachia, esistono situzioni molto più complesse di quanto si riteneva in passato. Questo perchè i cofattori sono veramente tanti se poi ci vogliamo aggiungere anche grassi trans, glutammati e innumerevoli piacevolezze di recente invenzione...Mi piacerebbe sapere se esiste da qualche parte nel mondo uno studio sul sistema risultante di tutti questi cofattori. Sarebbe uno studio di immesa portata sia per la difficoltà nel realizzarlo sia per che implicazioni che ne deriverebbero nel bene o nel male.Pertanto la tua risposta non ha ancora soddisfatto la mia domanda. Il fatto che tu in particolare possa mangiare queste cose senza averne conseguenze non chiarisce la questione. Sui tui timori di questo tipo di alimentazione aggiungo che è l'antropologia stessa a dare conferma sul fatto che genere umano per milioni di anni si è alimentato quasi esclusivamente di frutta, verdura, carni magre, pesce crostacei. E pare pure che questi ometti che non conoscevano formaggi e pastasciutta fossero fortissimi e molto sani(lo confermano gli scheletri).Se questo regime alimentare fosse stato mortale o deleterio per la salute dei nostri antenati probabilmente questa conversazione non avrebbe avuto luogo. Buon appetito!

    RispondiElimina
  54. Sono d'accordo con te. Mi pare tu sia molto chiaro e non posso che condividere i tuoi suggerimenti. D'accordissimo sulla limitazione di cereali, legumi e latticini per la salute dell'intestino. Fortunatamente non è necessario abolirli del tutto, o almeno non per tutte le persone. Bello il tuo blog, comunque...

    RispondiElimina
  55. ciao frasketta...psoriasi da 22 anni..ma psoriasi vera vera, nel senso tutto il corpo ricoperto tranne viso e palme dei piedi e mani..sai quanti mesi di ospedale mi sono fatta?? sai quante volte ho perso l'anno alle elementari perchè ero sempre ricoverata? sai quanti laureati come te ho visto??...Alla fine me la sono presa anche io la mia bella laurea....è da un anno che ho eliminato tutti i cereali, latte e derivati, solanacee....per la prima volta ho visto il colore della mia pelle senza farmaci dopo un 4 mesi di questa nuova alimentazione...e gli effetti ancora continuano....continua a studiare frasketta poi vieni ad illuminarci..
    Distinti saluti

    RispondiElimina
  56. E' interessantissima la tua storia <3
    Hai mai letto "il sistema di guarigione della dieta senza muco" di Arnold Ehret (fine ottocento inizio novecento)?Esprimeva già allora alcuni concetti che hai riportato e già allora si "lamentava" del fatto che il cibo "non era più quello di una volta"...Anche se una persona pensa di stare bene, spesso infatti il nostro organismo ci dà delle avvisaglie, ma noi siamo così impegnati in altro che  non riusciamo più a comunicare col nostro corpo. Coi nostri geni e questo tipo di vita, le malattie sono aumentate (anche se alcune sono state palesemente "inventate", tipo l'ipertensione e varie) e soprattutto, si cerca di curare il risultato (per esempio il mal di testa) e non la causa. Si guarisce solo con una buona alimentazione. Vorrei aggiungere, tra gli alimenti da evitare: cibi in latta, carne da supermercato o di cui non si conosce esattamente la derivazione e come viene "lavorata/trattata".La carne, infatti, è l'unico cibo (insieme alla frutta e verdura marce) che deperisce in fretta. Appena viene staccata dall'animale, dovrebbe essere consumata subito, sennò le sue capacità nutritive si vanno a far friggere.Dimenticavo, i cibi congelati (e scongelati) in casa non sono nocivi, di più! Soprattutto se contengono grandi quantità d'acqua (carne, pesce). Si salvano solo quelli che hanno un refrigeratore che scende sotto i 18 gradi (così dicono...) XDBuon proseguimento!:)

    RispondiElimina
  57. LeonardoRubini10 luglio 2012 11:12

    Dovresti cercare di convincere non tanto me, ma tutti gli altri malati che appena toccano i cereali stanno peggio. Ti consiglio di farti un giro nel gruppo di facebook "Psoriasi fattori scatenanti", prova a parlarne con loro. Oppure i naturopati ne sanno più di malati, ricercatori e medici messi insieme? Paragonare un naturopata con un ricercatore del MIT fa sorridere, capisco che non te ne rendi conto, perché già conosco tutti i bei discorsi affascinanti che fate tra di voi, ma resta il fatto che i cereali sono un alimento con pochissimi nutrienti e ricchi di "antinutrienti". Non ci vuole molto a scoprirlo, prendi una lista di vegetali e comparala con i cereali e vedrai che minerali, vitamine e altre sostanze sono presenti in modo esponenzialmente superiore nei vegetali.
    Concludo con un'osservazione su come persone come te affrontano la scienza dell'alimentazione: se vuoi confrontarti su questo tema, prima di tutto studiati l'autore che ti ho indicato e poi dici la tua, così come ho fatto io, dato che la Kousmine la conosco già da anni.. Ho conosciuto malati di sclerosi multipla seguire la Kousmine senza particolari risultati (se non migliorare alcune funzioni, visto che prima mangiavano malissimo) e altri seguire la PaleoZona migliorando moltissimo e liberando le loro carotidi senza bisogno di interventi chirurgici.
    Ti lascio il link per leggerti qualche studio dell'autore che non conosci ma che critichi, sicuramente non hai problemi con l'inglese, giusto?
    http://thepaleodiet.com/published-research 

    RispondiElimina
  58. LeonardoRubini12 luglio 2012 13:33

    Per fortuna che non volevi convincere nessuno :-)
    Ne hai dette tante... chi vorrà si farà la sua idea.
    Ciao.

    RispondiElimina
  59. Michelrevolution12 luglio 2012 15:32

    Ho sbagliato a scrivere, in effetti qui stavi parlando di rettocolite ulcerosa, comunque esistono anche in questo caso rimedi utili per rimediare al problema

    RispondiElimina
  60. LeonardoRubini12 luglio 2012 16:31

    Solo una precisazione: il libro di Catia Trevisani è lì sotto il mio video perché ha pagato lo spazio pubblicitario al blog di Grillo, non ha nulla a che vedere con me o con il blog.

    RispondiElimina
  61. Michelrevolution13 luglio 2012 14:23

    Si infatti io non mi sono riferito a te ma a Grillo, se comunque è stato scelto quel libro, vista la serietà sulle informazioni date sul suo blog, si saranno informati bene della sua qualità

    RispondiElimina
  62. LeonardoRubini13 luglio 2012 14:30

    A Miche', ma ce fai o ce sei??? E' pubblicità!!! Sotto ogni post viene consigliatoun libro venduto su Amazon, evidentemente c'è un contratto pubblicitario tra loro e il blog di Grillo. E daje bello, te facevo più svejo!!! (se hai problemi con l'italiano, forse il romanaccio lo capisci meglio ;-)

    RispondiElimina
  63. Michelrevolution13 luglio 2012 14:36

    Infatti il mio intento è quello di informare le persone secondo quello che ho studiato, visto e sperimentato, sicuramente ho parlato molto, ma con cognizione di causa, sicuramente la gente impara velocemente a capire la preparazione di una persona, infatti dovresti essere tu il primo a capire che sarebbe opportuno da parte tua, proprio nel rispetto delle persone a cui reputi di poter essere di aiuto, che attendessi per scrivere cose inesatte, almeno abbi l'umiltà di comprendere che conosco meglio di te come funziona il nostro organismo non perchè sia più bravo, ma semplicemente perchè ho fatto degli studi che tu non hai fatto e di una figura, il naturopata, che è già riconosciuta in altri paesi d'europa che non conosci, e che, per quanto riguarda la nostra scuola, segue già i canoni e le materie secondo la normativa europea, ti ripeto è giusto che tu condivida la tua esperienza positiva sulla rettocolite ulcerosa, però dovresti farlo scrivendo su temi e cose che conosci e di cui sei sicuro, a voler andare contro alla medicina ufficiale a volte ci si dimentica che senza una conoscenza di base dell'anatomia, fisiologia e della patologia, non si possono trarre conclusioni come hai fatto tu qui, ti faccio notare che non sono l'unico ad aver notato che hai scritto cose inesatte, se non ti rendi conto di questo non è colpa nostra

    RispondiElimina
  64. Michelrevolution13 luglio 2012 14:44

    Leonardo l'omeopatia come dice Bruna non è un rimedio proprio adatto per i casi di urgenza, è vero anche quello che dici cioè che se ti avesse ripristinato lo stato di salute, non saresti arrivato alla situazione grave che l'omeopata non ti è riuscito a risolvere.

    Il funzionamento dell'omeopatia, così come quello dei rimedi floreali (Fiori di Bach ad esempio) in realtà ha avuto un recente credito anche da parte di molti medici, perchè il ricercatore giapponese Masaru Emoto ha scoperto al microscopio come suoni e anche il semplice scrivere su una bottiglia d'acqua influenzasse la forma della disposizione delle molecole d'acqua, secondo l'emozione associata, analogamente una diluzione tale da scendere sotto il numero di Avogadro di molecole di una certa sostanza, anche se è considerata come non più rilevabile, agisce comunque anche perchè tutta l'omeotossicologia, di cui l'omeopatia è figlia, è basata sulla reazione del nostro organismo secondo il tipo di tossina diluita, scelta dall'omeopata dello stesso tipo della tossina che è nel nostro corpo e che ha causato il problema presentato all'omeopata. Comunque se cerchi in testi specializzati esistono degli studi in doppio cieco di rimedi omeopatici versus placebo che hanno mostrato efficacia, d'altronde non vi è al mondo solamente la razionalità, se fai ricerche sulla ghiandola pineale scoprirai quante cose legate all'intuito possono celarsi dietro

    RispondiElimina
  65. LeonardoRubini13 luglio 2012 14:51

    resto in attesa del link o di documento in pdf relativo allo studio in doppio cieco che menzioni, grazie.
    P.S.: un consiglio spassionato per te revolution, apriti un blog e dai sfogo a tutto il tuo sapere e alla tua creatività, nessuno, prima di te, aveva mai scritto così tanto sui commenti, neanche i veg. Vedrai, ti farà sentire meglio ;-)

    RispondiElimina
  66. Michelrevolution13 luglio 2012 15:10

    Simy mi fa piacere che tu sia riuscita a risolvere la tua situazione con una dieta diversa, però occorre fare una precisazione, parlare di cereali e di cereali integrali è diverso, i primi li trovi in un qualsiasi supermercato, i secondo li trovi quasi esclusivamente nei negozi biologici, erboristerie.

    La differenza è enorme, perchè i cereali normali sono raffinati, poveri di minerali e tendono ad "intasare" l'intestino, mi riferisco a quelli con glutine, che sono:
    frumento, farro, avena, segale, orzo, infatti il glutine col tempo forma una sorta di colla che peggiora il filtro intestinale, facendo perdere assorbimento di nutrienti, e rimettendo in circolo tossine, questo è il meccanismo attraverso il quale i cereali peggiorano i problemi intestinali.

    Si possono comunque mangiare cereali senza glutine come:
    riso, mais, grano saraceno, miglio, quinoa, amaranto

    Invece come ho già fatto notare a Leonardo i cereali integrali sono critici perchè hanno molte fibre e quindi vanno a sollecitare molto le pareti intestinali, e rimuovono molte tossine, fatto che va subito a sovraccaricare il fegato, che dall'intestino riceve per primo il sangue. Perchè ti parlo di fegato, perchè la psoriasi è quasi sempre un problema di sovraccarico di tossine nel fegato che non riuscendo a smaltirle le vicaria all'esterno alla pelle.

    Quindi occorre distinguere non solo tra cereali, e tra cereali integrali ma anche tra cereali con glutine e senza.

    Nella medicina cinese i cereali integrali sono il cibo quotidiano, in particolare il riso, vi siete mai chiesti perchè non si ammalano di rettocolite ulcerosa?

    Il problema è che gli alimenti dalla dieta andrebbero tolti uno alla volta per poter giudicare quali sono nocivi o no, e poi simy dimmi una cosa, quali cereali mangiavi, hai mai provato a mangiare i cereali i chicchi (che sono integrali nel senso che non sono raffinati) che si trovano nei negozi bio?

    RispondiElimina
  67. Michelrevolution13 luglio 2012 16:58

    Leonardo ce l'ho già un blog mio, se intervengo lo faccio per dare il mio contributo che ritengo opportuno tutto qui, visto che puoi moderare i commenti sei libero di non pubblicare i miei se non vuoi, dovresti invece di ironizzare sul sapere degli altri, che tu hai già dimostratodi non avere, piuttosto ascoltare quello che una persona può sapere in più di te, se vuoi rimanere un amatore sei libero di farlo, io non mi diverto a perdere tempo nel risponderti, se faccio tutti questi interventi è per spiegarti ciò che intendo e per condividere la mia esperienza e conoscenza, tutto qui

    RispondiElimina
  68. Michelrevolution13 luglio 2012 17:11

    Ti riporto titolo ed autori di una meta-analisi di 119 studi di confronto omeopatia versus placebo, che dimostra come per ogni studio negativo ve ne siano 2,45 che dimostrano l'efficacia dell'omeopatia: Linde K., Clausius N., Ramairez G. "Are the clinical effects of homeopathy placebo effects?
    A meta-analysis of placebo-controlled trials". Lancet 1997; 350: 834-843

    il riferimento l'ho trovato a pagina 392 del libro "Trattato di medicina naturale" di j. Pizzorno - M. Murray - Red edizioni, se lo trovi spiega anche la storia della naturopatia

    RispondiElimina
  69. Messaggio FINALE @Michelrevolution:
    gentile Michele, non ho alcun motivo di censurarti, anzi, farò di più, lascia pure qui il link del tuo blog, così, chi vorrà, potrà andarlo a visitare e avrà modo di farsi la propria opinione, l'importante è che non ci sia pubblicità di nessun tipo, altrimenti lo banno. Nelle ultime 2 settimane ho avuto uno scambio di email mostruoso, più la gestione del blog e dei social network. Il tempo a mia disposizione è limitato, evidentemente il tuo no. Beato te!
    Passo e CHIUDO.

    RispondiElimina
  70. Michelrevolution13 luglio 2012 17:30

    Leonardo non sono così coglione come credi, avevo capito che è pubblicità, ma credevo che la scelta degli oggetti pubblicizzati nel nel blog di Grillo fossero scelti secondo una qualità alta, non avevo visto che è un link ad amazon, teoricamente poteva essere anche un banner diretto, per questo credevo che l o avessero scelto direttamente dal blog, vedi noi aspiranti naturopati siamo un po' strani ma non troppo coglioni come forse credi

    RispondiElimina
  71. Michelrevolution13 luglio 2012 18:07

    Può dipendere da tante cause, lo stress crea radicali liberi e quindi sicuramente peggiora l'infiammazione all'intestino, si vede che tu rispetto a tuo fratello hai una costituzione diversa, intesa anche come emotività, l'ansia in effetti spesso è somatizzata a livello intestinale, anche se nel caso della colite ulcerosa tende più a trasformarsi in angoscia

    L'alimentazione è un passo chiave per mantenere e ritrovare la salute, ma a volte occorre usare degli integratori, ad esempio il mirtillo nero è ottimo, e anche i probiotici (non quelli coltivati nel latte), per ricolonizzare la flora batterica, invece è bene evitare zuccheri semplici, che porterebbero a fermentazione intestinale che peggiora la disbiosi della flora e quindi la permeabilità delle pareti intestinali

    RispondiElimina
  72. e  nonostante sto po po di lauree hai ancora la RCU!!!! i miei complimenti forse devi studiare meno e mangiare meglio!!!!

    RispondiElimina
  73. Nowardev-1 NowardevTeam17 luglio 2012 14:08

     la melatonina non è un ormone su wikipedia scrivono un mare di cazzate ....

    cerca su youtube... c e intervista al maggior esperto di melatonina... e poi ti posso assicurare che dopo un anno di assunzione se non la prendo per due o tre giorni vado benissimo lo stesso... mah..

    Era indubbiamente un errore dall'inizio definire la melatonina come un
    «ormone» dato che questa classificazione fuorviante ha generato una
    serie di bugie atte a confondere il pubblico sulla vera natura della
    nostra scoperta.
    Infatti le ovvie ragioni per le quali la melatonina
    non può essere definita un ormone «classico»  e tanto meno «pericoloso»
    sono le seguenti:

    1) La melatonina viene sintetizzata, non solo
    nella pineale, ma anche in numerosi altri organi e tessuti come, per
    esempio, la retina, la mucosa intestinale, nei megacariociti, nelle
    piastrine e, nei roditori, nelle ghiandole Harderiane, tutti questi
    tessuti che non possono essere definiti come tipiche «ghiandole
    endocrine».

    2) Dopo la pinealectomia (rimozione chirurgica della
    pineale), la melatonina circolante non scompare  come quando vengono
    rimosse le ghiandole endocrine ( ipofisi, tiroide, surrenali, gonadi).

    3)
    Non esiste alcun «fattore di rilascio» (releasing factor) per la
    melatonina come quelli trovati e anche usati per tutti gli ormoni
    classici.

    4) Recettori con maggiore o minore affinità per la
    melatonina e «binding sites» sono stati evidenziati e trovati in una
    tale varietà di cellule (su membrane e nel citoplasma) e tessuti del
    corpo che la loro natura di «recettori ormonali specifici» per la
    melatonina su cellule bersaglio ben definite è impossibile da
    dimostrare,  data la loro diffusione ubiquitaria.

    5) La
    melatonina, anche se somministrata a dosi enormi di grammi al giorno per
    via orale (in un vecchio esperimento nell'uomo ne sono stati
    somministrati anche 6,6 grammi al giorno per 35 giorni !), non ha
    provocato nessun danno o effetti collaterali immediati o tardivi.
    Qualsiasi altro vero ormone, con l'eccezione del  DEA
    (deidroepiandrosterone, DHEA) avrebbe certamente prodotto la morte o
    danni gravi e irreparabili, come sarebbe il caso con il cortisone e  la
    tiroxina. Perciò, contrariamente ai « veri » ormoni, con la melatonina
    non si osservano affatto effetti tossici collaterali. Anche 1500 donne
    sono state trattate in Olanda per anni con dosi giornaliere di 300 mg
    senza alcun danno !

    6) L'inibizione della sintesi endogena di
    melatonina dopo la sua somministrazione orale non sembra dipendere, come
    è il caso con gli ormoni classici, sulla inibizione della sintesi dei
    fattori trofici (gonadotropine, tireotropina, corticotropina etc.), ma
    su una semplice inibizione retroattiva (feedback) prodotta dallo stesso
    prodotto finale (la stessa melatonina) in una sequenza bio-sintetica.
    Per questo la somministrazione prolungata di melatonina non può indurre
    una «atrofia della pineale»!

    7) La melatonina è presente ovunque
    nella carne e nei vegetali, e la melatonina alimentare è assorbita
    rapidamente dal tratto gastro-intestinale. Esperimenti condotti
    recentemente con animali dimostrano che una dieta ricca di melatonina
    produce livelli ematici di melatonina che sono significativamente più
    elevati di quelli di animali con un basso livello di melatonina nella
    dieta. Perciò  certamente i livelli di melatonina circolanti possono
    essere cambiati (aumentati o diminuiti) da un tipo di dieta che contenga
    livelli alti o bassi di melatonina. Nulla di simile può essere ottenuto
    con nessuno degli « ormoni » conosciuti!


    Concludendo, la
    definizione della melatonina come «ormone» è assolutamente errata e non
    possiede alcuna base scientifica. In realtà la natura dei meccanismi di
    azione della melatonina come «mediatore chimico universale del mondo
    biologico» è tuttora sconosciuta esattamente come era sconosciuto il
    meccanismo di azione della penicillina quando essa fu scoperta e usata
    per salvare da mortali infezioni! E non era una sostanza endogena!

    RispondiElimina
  74. Scusa Leonardo, ho letto varie cose rispetto a ciò che scrivi. Seguo la dieta Paleo con successo da oltre un anno. Vorrei però chiederti un chiarimento in merito alle patate (saponine, antinutrienti, etc..). Esistono vari tipi di patate, ma le "patate dolci" (in inglese Yam o sweet potato) sono comunque consentite e promosse nella comunità Paleo, poiché a differenza delle altre varietà (bianche, gialle e via dicendo) non conterrebbero i suddetti anti-nutrienti. Tu, cosa ne pensi a riguardo? Ci sono evidenze scientifiche in merito? Grazie.

    RispondiElimina
  75. usale in caso di impegni sportivi, dato l'alto carico glicemico, o per sfizio ogni tanto, se ti piacciono molto, per il resto non sono solanacee, per cui vai tranquillo http://it.wikipedia.org/wiki/Ipomoea_batatas

    RispondiElimina
  76. Grazie molte per le (sempre precise e puntuali) risposte. Ne approfitto per farti un'ultima domanda. Come sostitutivo delle patate, cose si dice di tuberi come il Daikon e Topinambur? Qualche controindicazione?

    RispondiElimina
  77. decisamente ottimi, soprattutto il secondo!

    RispondiElimina
  78. Pienamente d'accordo con Leonardo anche io ho risolto i miei problemi con la paleo dieta conosco molte persone che mi hanno ascoltato e ora mi ringraziano ma purtroppo c'è tanta gente che hanno la mente chiusa e non vedono più lontano del loro naso, e poi agli italiani gli vai a toccare i cereali e il latte si infuriano come se gli toccate la loro mamma.

    RispondiElimina
  79. Io sono guarito dalla colite ulcerosa con delle terapie disintossicanti di edta e integrazioni alimentari, quello che è scritto in questo blog rispecchia più o meno lo stesso percorso che ho fatto io. Comunque ho scritto un libro dove ci sono le procedure che ho utilizzato http://www.lulu.com/shop/search.ep?type=&keyWords=come+sono+guarito+dalla+colite+ulcerosa&x=8&y=8&sitesearch=lulu.com&q=

    RispondiElimina
  80. francesca fabbris4 febbraio 2013 11:34

    Il mio percorso nutrizionale inizia più di trent'anni fa, quando volevo capire il motivo per cui si è sovrappeso e perchè, in un libro di Cousteau sui mari, si parlasse di vitamine in forma di tavolette, il sistema del futuro.
    Oggi lo so, ma sono serviti 30 anni di percorso.
    Puoi documentarti e provare personalmente, perchè gli studi scientifici SONO SEMPRE DI PARTE.
    Limpieza intestinal o salud digestiva
    https://www.youtube.com/watch?v=6_6Ygy8IjcA
    Paleo in a Nutshell Part 1 : Food (ma guarda anche 2 e 3)
    https://www.youtube.com/watch?v=uCFZoqmKf5M
    Comunicare per la salute
    http://comunicareperlasalute.blogspot.it/2013/01/pensare-per-scoprire.html
    Libri: Mai più malattie cardiovascolari e NO (Ignarro); La rivoluzione del benessere (Pilzer), Il secondo cervello (Gershon).
    Tutto a titolo di esempio.
    Come puoi volere una prova scientifica se, sulla nutrizione, prove scientifiche non ci sono?
    Ricorda che la ricerca scientifica viene fatta soltanto sui farmaci, perchè costa troppo farla su cibo e integratori alimentari, in quanto non porterebbe alcun profitto agli enti che promuovono la ricerca.
    Ti inviterei inoltre a cercare, per il cibo, commerciale o non, una normativa di tutela corrispondente a quanto pubblicato con il libro "Prodotti destinati ad una alimentazione particolare ed integratori alimentari", Ed. RGR.
    D'altra parte, per conoscenza personale, ti chiederei di provarmi che la tua scelta sia certificata su base scientifica.
    Per quello che ne so, non ce ne sono.

    RispondiElimina
  81. che ti puoi aspettare da uno che si chiama ciccione? ovviamente il cervello ingolfato di lardo

    RispondiElimina
  82. Caro Michele, come si vede che non sei affetto da questa malattia o non hai nessuno accanto a te che ne soffre da anni. Sono solo una contabile, non ho conoscenze mediche di alcun tipo, quindi mi perdonerai, ma quello che emerge dalle tue parole è che stai studiando giusto? Beh, dopo che avrai incontrato persone che soffrono sul serio, dopo che ti sarai confrontato con il dolore e con le speranze infrante di gente che sopporta, allora forse potrai aiutare qualcuno come Leonardo fa ogni giorno con il suo blog. Lui dà SPERANZA e ESPERIENZA DIRETTA. Queste cose non si studiano sui libri. Con affetto, una compagna di un uomo che soffre da anni.

    RispondiElimina
  83. Lo studio che sto conducendo, insieme ad altri, all'istituto superiore di sanità dovrebbe durare 5 anni....e vi assicuro che quando uscirà risolverà molti problemi e creerà altre domande a cui bisognerà trovare risposta...abbiate fiducia e pazienza come ne ho io.
    Comunque molto probabilmente l'RCU sarà causata da una serie di mutazioni in qualche gene dell'immunità mucosale e questo causa questo squilibrio nella risposta immunitaria a batteri e patobionti presenti nell'intestino...per cui il punto una volta trovata la mutazione sarà fare una terapia genica a base di siRNA o microRNA magari portati da vettori virali inibiti per andare a ripristinare la situazione normale, però poi anche li sorgono problemi perchè far arrivare le cose in un punto specifico dell'organismo e mantenere la correzione non è semplice. (per il Crohn la cosa è già risaputa...mutazione del gene NOD2 nel 70% dei malati, ed è stato visto che ripristinando questo gene torna tutto normale).

    PS

    non sono un luminare...sono solo uno che si sacrifica ogni giorno alzandomi alle 4.45 di mattina e tornando la sera alle 20 e prova a dare un contributo alla risoluzione della mia e della vostra malattia...tutto quà :)

    RispondiElimina
  84. per quanto riguarda le cure, semplicemente per ora non esiste una cura aimè...c'è solo un approccio di terapia basata sullo SCALE-UP cioè si parte da mesalazina, se non funziona si passa a cortisonici e AZA, se non funzionano manco questi si passa ai biologici....se non funziona niente colectomia totale con costruzione di una pouch (la pouch è la ricostruzione di una ampolla rettale con l'ileo), poi passano 6 mesi in cui la pouch impara a fare il suo lavoro e poi inizi a vivere ovviamente andando in bagno spesse volte perchè ovviamente il tratto da percorrere è più breve per cui arriva prima e ovviamente liquida perchè non c'è più il colon che assorbe l'acqua. Na vitaccia insomma...però per evitare la bara si fa

    RispondiElimina
  85. e qualìè il perché delle cose? dove consigli di informarci? che rimedi proponi?

    RispondiElimina
  86. Cristiana Betti13 luglio 2013 07:40

    Non entro in questa discussione perchè parlare con dei fanatici secondo me non serve, volevo tornare al discorso sulle patate all'inizio: è opinione comune che con l'introduzione degli alimenti del Nuovo Mondo la nostra alimentazione sia diventata più varia, ma non è sempre esattamente così. Io sono un'esperta di piante e ti posso dire che la grande produttività delle patate provocò l'abbandono della coltivazione o della raccolta di molte altre radici: sisaro, raperonzolo, scolimo, castagna di terra, barba di becco, bardana, smirnio, finocchiella (per citartene solo alcune, l'elenco è molto lungo), di cui la gente non conosce più neanche i nomi. Similmente non è che eliminando cereali, mais e soia dobbiamo diminuire la varietà della nostra alimentazione, basti guardare alla ricchezza di diversità che c'era in quella degli Indiani d'America, che erano estremamente longevi (ma nessuno ne parla), o in quella dei nostri antenati.

    RispondiElimina
  87. Leonardo il dottor Piero Mozzi applica l'emodieta ma la personalizza in base alla patologia e in base alle caratteristiche del soggetto. E latticini e cereali col glutine sono apertamente sconsigliati, poi ognuno segue la dieta come vuole.
    Voglio dire che non si tratta solo di "dieta dei gruppi sanguigni". Io la sto seguendo con qualche eccezione (non ho malattie gravi) e con l esclusione di tutti i cereali e di tutti i latticini. Ma voglio approfondire la paleodieta sempre tenendo conto del mio gruppo sanguigno in quanto sperimentando ritengo che le basi scientifiche ci sono.
    Con la dieta Mozzi ci sono buoni risultati anche su molte patologie autoimmuni. Credo che fare una critica basandosi sugli "studi scientifici" sia troppo limitativo. Potresti spiegare meglio?
    Io credo che una Paleo che tenga conto del gruppo sanguigno possa essere la dieta ideale

    RispondiElimina

Verranno esclusi tutti i commenti off-topic, volgari e privi del rispetto necessario per un sereno confronto sul tema discusso. Chiedo un po' di pazienza per la loro pubblicazione, dato che li modero personalmente e non sono sempre davanti al pc.