lunedì 29 luglio 2013

Omega 3 e cancro alla prostata: disinformazione allo stato puro!


Non ci credo, non ci credo, non ci credo!
Questo ho pensato quando ho letto questa notizia sulle maggiori testate giornalistiche, nonché su numerosi post su Facebook. Non ero affatto preoccupato della presunta veridicità della notizia, ma ero piuttosto sconvolto del livello di disinformazione medico-scientifica che regna in Italia. In Italia? Aspettate un attimo. Vista la ridondanza della "notizia", ho deciso di farmi un giro anche sui media americani e ho tristemente constatato che la pazzia era comune. Loro hanno prodotto l'obbrobrio mediatico e noi, come al solito, abbiamo fatto i pappagalli.
Così, tanto per fare chiarezza, ho deciso di tradurvi un articolo più che esplicito del Dr. Jonny Bowden.

"[omissis] Non c'è niente di divertente in questo studio e ciò che i media hanno fatto è [omissis] vergognoso, incompetente e da analfabetismo scientifico.
Prima di arrivare allo studio vero e proprio, e lo faremo, parliamo dei mezzi di comunicazione, la cui segnalazione qui è vergognosa, incompetente e da analfabetismo scientifico  Ecco un esempio di alcuni dei titoli, l'idiozia dei quali sarà chiara in un attimo:

• "Gli integratori di omega-3 legati al cancro alla prostata" (Fox News)
• "Gli integratori di Omega-3 potrebbero aumentare il rischio alla prostata" (Telegraph)
• "Gli integratori di olio di pesce collegati al cancro alla prostata" (Health News)
• "Gli uomini che prendono integratori di Omega-3 hanno il 71% in più di rischio di cancro alla prostata" (NY Daily News)
• "Gli integratori di Omega-3 possono scatenare il cancro alla prostata" (Nursing Times)
• "Occhio al salmone: gli acidi grassi omega-3 sono legati a un più alto rischio di cancro" (CNN)

Quindi, leggendo questo, si potrebbe anche pensare che i ricercatori hanno diviso una popolazione di uomini in due gruppi, hanno dato a un gruppo gli integratori di olio di pesce e all'altro un placebo, e hanno scoperto che quelli che hanno preso i supplementi di olio di pesce sono risultati più esposti al rischio di cancro alla prostata rispetto a quelli che non l'hanno preso. Giusto?
Sbagliato.


La verità sullo studio "olio di pesce"

La prima cosa che dovete sapere è che nessun tipo di integratori di olio di pesce o qualsiasi altro tipo di integratori, se è per questo, sono stati dati in questo studio. Nessuno. Questo studio si è limitato solo a esaminare i livelli ematici di acidi grassi a catena lunga, come quelli che si trovano nel pesce (EPA e DHA). E anche lì, l'associazione tra elevati livelli nel sangue e il cancro alla prostata, cosa alla quale arriveremo tra un minuto, è stata trovata solo per il DHA. Nessuna associazione è stata trovata tra EPA e il cancro alla prostata, né tra il cancro alla prostata e l'ALA (omega-3 che si trovano nel lino e nella chia).
E allora come si spiega il fatto che giornalista dopo giornalista e notizia dopo notizia hanno equiparato elevati livelli ematici di DHA con il "fatto di prendere integratori di olio di pesce"? Non c'è praticamente nessun altra spiegazione che non sia un forte pregiudizio anti-integratori e un desiderio di produrre titoli scioccanti. E qualsiasi dubbio circa l'oggettività dei ricercatori sarebbe dovuta essere abbandonata dopo che uno di loro, il Dr. Alan Kristy, ha detto ai giornalisti...
"Abbiamo dimostrato ancora una volta che l'uso di integratori alimentari può essere dannoso".

Per cui, cerchiamo di essere chiari. Gli integratori non erano parte dello studio e non sono neanche stati dati ai partecipanti. Punto.

[omissis] questo era uno studio osservazionale (basato sui dati provenienti dai partecipanti al Prostate Cancer Prevention Trial (1994-2003). Non c'era nessun esperimento, solo un'osservazione su ciò che era stato messo insieme in questo particolare campione di popolazione.


Vero come la finzione: grassi trans protettivi!

Volete sapere che cos'altro hanno trovato i ricercatori? I partecipanti che avevano i più alti livelli di grassi trans nel loro sangue hanno avuto anche il minimo rischio per il cancro alla prostata.
Quindi, se si vuole saltare alle conclusioni e agire immediatamente, qui ci sono due cose che si dovrebbero fare ora per proteggere la propria salute:

1. Smettere di mangiare pesce.
2. Iniziare a mangiare grassi trans.

Nessuno dei media è così stupido da dirci di farlo. Queste stesse persone, tuttavia, sono in dubbio circa la sicurezza degli omega-3, che, nel caso in cui ti fosse sfuggito le prime due o tre volte che l'ho detto, non sono stati utilizzati nello studio.
Se i livelli ematici di omega-3 sono il problema, il pesce dovrebbe essere altrettanto "pericoloso" come gli integratori di olio di pesce. E finora, almeno, non ho sentito alcun esperto dei media che ci consiglia di smettere di mangiare salmone e di iniziare a ingurgitare ciambelle e margarina, perché sono così ricchi di grassi trans "protettivi".


Sfatiamo lo studio: Perché i livelli di DHA erano alti?

Il più bravo in circolazione a sfatare i miti di certi studi, Denise Minger, fa notare che non si tiene traccia dei livelli di DHA nel sangue necessariamente con l'alimentazione. Gli uomini con i più elevati livelli di DHA non hanno necessariamente mangiato più pesce e siamo abbastanza certi che la maggioranza non stava assumendo integratori (perché i ricercatori hanno descritto tutto dettagliatamente). Anche se i livelli di DHA nel sangue salgono quando si consumano un sacco di omega-3, possono anche salire per altri motivi, uno dei quali è una dieta a basso contenuto di grassi.
Pensateci per un minuto.
Minger sottolinea anche che i "più alti livelli di siero di DHA" erano basati su valori percentuali, non sui valori assoluti. Diciamo solo che le misurazioni su base percentuale possono essere.... fuorvianti?! Una percentuale più alta di DHA può significare una minore percentuale di qualcosa che i ricercatori non hanno indagato. (Hanno considerato solo 8 acidi grassi.) "Esprimere la composizione fosfolipidica degli acidi grassi nel plasma in percentuale sul totale è significativo solo quando la presenza totale degli acidi grassi è identica per tutti i soggetti", scrive il Dr. Ching Kuang Chow sull'American Journal of Nutrition.


Scrivere cento volte sulla lavagna: la correlazione non è causalità

Vale la pena di ripetere e ripetere e ripetere, che la correlazione non è causalità. Studi osservazionali come questo non sono studi randomizzati e controllati. Essi indicano semplicemente associazioni, come il fatto che le persone che hanno le "dita gialle" tendono ad avere più alti tassi di cancro al polmone. Per cui non ci spiegano perché esistono tali associazioni.
(La sindrome delle dita gialle è data da l'"effetto collaterale" di tenere le sigarette in mano tutto il giorno. Chiaramente, le dita gialle non "causano" il cancro al polmone, anche se c'è una forte associazione positiva tra i due.)

In questo studio, non abbiamo idea del perché siano stati trovati elevati livelli ematici di DHA per poterli così associare a un alto rischio per l'aggressivo cancro alla prostata. Il DHA potrebbe essere un marker per qualcos'altro, come le "dita gialle" sono un "marcatore" per il fumo. I ricercatori dicono che a loro piace "controllare" le variabili esterne, ma per ragioni sconosciute, questi ricercatori non hanno "controllato" variabili come l'età, la razza e... oh sì, la dieta. Dio solo sa che cos'altro non hanno "controllato".
Come afferma Minger:
"Questo è un classico caso di correlazione che si scontra con una plausibilità biologica e mette in evidenza perché gli studi osservazionali, con la loro grande quantità di variabili privi di documentazioni e con risultati contraddittori, non possono dirci nulla di definitivo su cibo e malattia."

E già che siamo in tema di variabili che confondono, considerate queste statistiche inerenti lo studio, per gentile concessione del mio amico Bob Roundtree, MD, Direttore Medico di Thorne Research:

1. il 53% dei soggetti con carcinoma prostatico erano fumatori.
2. Il 64% dei malati di cancro consumavano regolarmente alcol.
3. Il 30% dei soggetti con cancro ha avuto almeno un parente di primo grado con cancro alla prostata.
4. L'80% dei soggetti con tumore erano in sovrappeso od obesi.


Il contesto è tutto

Infine, contestualizziamo questo studio. Ci sono stati letteralmente migliaia di studi pubblicati sui grassi omega-3, che attraverso il corso di oltre tre decenni hanno incluso non solo studi osservazionali, ma anche studi randomizzati controllati.
La stragrande maggioranza di essi sono stati positivi, tanto che quando si parla di olio di pesce, anche la medicina tradizionale ha superato il suo pregiudizio contro gli integratori vitaminici. La maggioranza dell'establishment delle principali organizzazioni sanitarie ormai consiglia di mangiare pesce e, spesso, pure la supplementazione di olio di pesce. Anche Big Pharma ci sta entrando dentro con le aziende farmaceutiche (GlaxoSmithKline) commercializzando prodotti di olio di pesce prescrivibili (Lovaza).
Saltare alla conclusione opposta con uno o due studi osservazionali, in particolare quelli che contraddicono la maggior parte della ricerca, lasciare fuori un certo numero di variabili fondamentali come la dieta e fare supposizioni senza aver chiarito nessun meccanismo biologico che potrebbe spiegare lo strano risultato ottenuto, è certamente un bene per dei buoni titoli sui giornali.
Non si può dire la stessa cosa, però, per il buon senso."

1 commento:

  1. Franco Capuani29 luglio 2013 08:54

    l'uso di omega 3 ha un effetto immunosoppressivo per cui vengono usati per malattie autoimmuni.L'uso di alte dosi di Vit E(400 mg) conferisce algi omega 3 un effetto immunomodulante evitando lazione immunosoppressiva che , a lungo andare, determina malattie degenerative(K di organi predisposti).

    RispondiElimina

Verranno esclusi tutti i commenti off-topic, volgari e privi del rispetto necessario per un sereno confronto sul tema discusso. Chiedo un po' di pazienza per la loro pubblicazione, dato che li modero personalmente e non sono sempre davanti al pc.