sabato 24 ottobre 2015

I farmaci che curano completamente non sono redditizi

Intervista con il Dr. Richard J. Roberts, premio Nobel per la Medicina 1993.


Ho 63 anni: la cosa peggiore dell'invecchiare è che si considerano molte "verità" come sacrosante: questo significa che hai bisogno di nuove domande. Sono nato a Derby, mio ​​padre meccanico mi regalò un set di chimica... e a me ancora piace giocarci. Sono sposato, quattro figli, uno tetraplegico a causa di un incidente. Cosa che mi ha incoraggiato a continuare a indagare. Collaboro con il Campus for Excellence.

- La ricerca può essere pianificata?

Se fossi Ministro della Scienza, cercherei persone entusiaste con progetti interessanti. Basta dare loro soldi in modo che non abbiano bisogno di fare altro che indagare e lasciarli lavorare dieci anni per sorprenderci.

- Sembra una buona politica.

Si ritiene generalmente che per andare molto lontano è necessario sostenere la ricerca di base, ma se si desiderano risultati più immediati e proficui, è necessario puntare sulla ricerca applicata...

- E non è così?

Spesso le scoperte più redditizie sono state fatte partendo da domande molto semplici. Poi è stato creato il gigante statunitense dell'industria biotech da miliardi di dollari dove lavoro.

- Come è nato?

La biotecnologia si è sviluppata quando gli appassionati hanno iniziato a chiedersi se si potessero clonare i geni e cominciarono a studiarli e cercare di purificarli.

- Un'avventura di per sé!

Sì, ma nessuno si aspettava di diventare ricco con queste domande. È stato difficile ottenere finanziamenti per la ricerca delle risposte fino a quando Nixon ha lanciato la guerra contro il cancro nel 1971.

- È stato scientificamente produttivo?

Ha permesso molte ricerche (come la mia), con una quantità enorme di fondi pubblici, che non hanno funzionato direttamente contro il cancro, ma che sono state utili per la comprensione dei meccanismi che permettono la vita.

- Che cosa ha scoperto?

Phillip Sharp e io siamo stati premiati per la scoperta degli introni nel DNA eucariota e per il meccanismo di splicing dei geni.

- Per cosa è stato utile?

Questa scoperta ha portato a capire come funziona il DNA, però ha un collegamento solo indiretto con il cancro.

- Quale modello sembra essere più efficace per la ricerca secondo lei, l'americano o l'europeo?

È evidente che gli Stati Uniti, dove il capitale privato ha un ruolo attivo, sono molto più efficienti. Prendiamo ad esempio lo spettacolare progresso del settore informatico, dove il denaro privato ha finanziato la ricerca di base e applicata. Ma per l'industria della salute... ho le mie riserve.

- La ascolto.

La ricerca sulla salute umana non può dipendere solo dalla sua redditività. Ciò che è  buono per i dividendi aziendali, non è sempre un bene per le persone.

- Si potrebbe spiegare?

L'industria farmaceutica deve servire il mercato dei capitali…

- Come ogni altra industria.

Non è un'industria qualsiasi, stiamo parlando della nostra salute e delle nostre vite, dei nostri figli e di milioni di esseri umani.

- Ma se sono redditizie, ricercano meglio.

Se si pensa solo ai guadagni, si smette di preoccuparsi di servire la gente.

- Per esempio?

Ho visto, in alcuni casi, ricercatori dipendenti da fondi privati che ​​erano sul punto di scoprire un farmaco molto efficace, che avrebbe completamente eliminato una malattia…

- E perché hanno fermato gli studi?

Perché le aziende farmaceutiche spesso non sono così interessate alla vostra guarigione, così come invece ad avere il vostro denaro. Per questo l'indagine, improvvisamente, viene deviata verso la scoperta di farmaci che non guariscono completamente, ma che cronicizzano la malattia, in modo da avere un miglioramento che scompare quando si interrompe l'assunzione del farmaco.

- È una grave accusa.

È normale che le aziende farmaceutiche siano interessate a ricerche che non curano, ma che rendono le malattie croniche, attraverso farmaci più redditizi di quelli che potrebbero curare completamente in un colpo e per sempre. Devi solo seguire l'analisi finanziaria dell'industria farmaceutica per verificare ciò che dico.

- Sono i dividendi-killer.

Ecco perché diciamo che la salute non può essere un mercato e non può essere intesa solo come un mezzo per guadagnare denaro. E penso che il modello europeo di capitale privato e pubblico misto sia meno idoneo a incoraggiare tali abusi.

- Un esempio di tale abuso?

Gli studi sugli antibiotici sono stati fermati perché erano troppo efficaci e guarivano completamente. Nel momento in cui non sono stati messi a punto nuovi antibiotici, gli organismi infettivi sono diventati resistenti e oggi la tubercolosi, che nella mia infanzia era stata sconfitta, riappare e ha ucciso lo scorso anno un milione di persone.

- Sta parlando del Terzo Mondo?

Questo è un altro triste capitolo: le malattie del Terzo Mondo sono poco indagate, perché i farmaci che le combattono non danno guadagni. Ma sto parlando del nostro Primo Mondo: la medicina che guarisce completamente non è redditizia e quindi non si fa questo tipo di ricerca.

- Non si possono coinvolgere i politici?

Non siate troppo eccitati: nel nostro sistema, i politici sono semplici dipendenti di grandi aziende, le quali investono ciò che è necessario in modo che "i loro bambini" vengano eletti, e se non sono eletti, si comprano coloro che sono stati eletti.
Il denaro e le grandi aziende sono interessate solo a moltiplicare profitti. Quasi tutti i politici, e so quello che dico, dipendono spudoratamente da queste multinazionali farmaceutiche che finanziano le loro campagne. Il resto sono parole...


(Originale in spagnolo: http://www.lavanguardia.es/free/edicionimpresa/20070727/53380162760.html )

Nessun commento:

Posta un commento

Verranno esclusi tutti i commenti off-topic, volgari e privi del rispetto necessario per un sereno confronto sul tema discusso. Chiedo un po' di pazienza per la loro pubblicazione, dato che li modero personalmente e non sono sempre davanti al pc.